giovedì 29 Luglio 2021
giovedì, Luglio 29, 2021
spot_img

RIVAROLO – Il Circolo PD Alto Canavese riassume la conferenza programmatica: “ Costruttiva, importante ed emozionante”

Sono intervenute diverse figure rappresentative del territorio per tracciare un bilancio delle cose da fare

RIVAROLO CANAVESE – “Costruttiva, importante ed emozionante. Con questi tre aggettivi chiudiamo la prima conferenza programmatica dell’Alto Canavese.”

È quanto dichiara Simona Appino, Segretario del Circolo Pd Alto Canavese, in merito alla giornata di Conferenza Programmatica che si è tenuta a Rivarolo lo scorso sabato 17 ottobre.

“Intanto costruttiva – prosegue – perché tra i tanti interventi delle figure più rappresentative del territorio abbiamo tracciato un bilancio delle cose da fare sul territorio. In primis infrastrutture, collegamenti indispensabili per il lavoro ma anche digitale senza cui sia le aziende che i dipendenti, soprattutto in smart-working non possono lavorare. 
Rimane una ferita aperta sul territorio, l’area Forno Rivara Busano, in passato considerata la piccola Rhur del Canavese con i suoi stabilimenti dello stampaggio e della meccanica, e ora priva di collegamenti importanti e abbandonata dalla politica locale e nazionale.”

“La sanità di territorio rimane un’altra incognita per l’Alto Canavese. Ottima e condivisibile l’idea dell’ospedale eporediese ma senza collegamenti rapidi e con il nuovo ponte Preti ancora in modalità progetto (o forse neanche in quello) come possiamo pensare al futuro?
Un discorso a parte rimangono poi i paesi dell’area pedemontana e montana attualmente distanti da Torino anni luce per servizi e opportunità.”

“Importante – aggiunge Appino – perché siamo riusciti a mettere insieme i vari attori del territorio che si sono finalmente incontrati e confrontati in un clima di rispetto reciproco, esponendo i loro punti di vista ma soprattutto condividendo un punto importante, da soli non si va da nessuna parte.

E infine emozionante. Per il nostro circolo, nato meno di un anno fa quando l’unione non pareva cosi scontata, è stato un passo importante per acquisire consapevolezza e assumere quel ruolo fondamentale che la Politica con la P maiuscola ha smarrito.

Mese dopo mese abbiamo abbattuto le barriere che da buoni canavesani amiamo tanto costruire e confrontandoci e dibattendo. Abbiamo trovato una linea comune per lavorare sul territorio con referenti e coordinatori nei diversi ambiti. Ora, dopo questa giornata, – conclude – non intendiamo di certo fermarci e con umiltà e determinazione cercheremo di cogliere la sfida che questo stupendo territorio ci pone. Sfida che vinceremo solo lavorando a testa bassa tutti insieme.”

urbanlungo
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img