lunedì 18 Gennaio 2021

COVID – Circolari della Regione Piemonte; 11 nuovi comuni “positivi” in Canavese

Il territorio canavesano ieri ha registrato 177 casi in più per un totale di 852 positivi; in Piemonte ieri sono stati 821

COVID – Operatività dell’Unità di Crisi fino al 31 gennaio, divieto di vendita alcolici (escluso il servizio al tavolo negli esercizi di ristorazione) dopo le 21, obbligo dei ristoranti di tenere un registro quotidiano delle presenze; obbligo alle scuole di verificare che le famiglie abbiano misurato la febbre ai figli prima di portarli a scuola (tramite autocertificazione o qualsiasi strumento idoneo); chiusura di tutte le attività commerciali al dettaglio dalle 24 alle 5 del mattino ad eccezione delle farmacie.

Queste sono le misure contenute nelle nuove circolari della Regione Piemonte. Direttive che vanno ad aggiungersi a quelle del Governo per contrastare l’emergenza Covid-19.

Intanto pare che il Governo sia pronto, nelle prossime ore, ad emettere un nuovo Dpcm con una nuova stretta.

Il numero dei casi continua ad aumentare velocemente in tutta Italia, con 10mila casi nelle ultime 24 ore. Il Piemonte ieri, venerdì 16 ottobre, ha registrato 821 casi positivi in più e quattro decessi di persone positive. In Canavese l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha invece registrato 177 casi in più, per un totale di 852 casi positivi sul territorio.

11 nuovi comuni si sono aggiunti all’elenco di quelli che hanno almeno un caso positivo, sono: Borgofranco d’Ivrea (1); Borgomasino (2); Chiaverano (1); Feletto (1); Lombardore (1); Mazzè (1); Settimo Rottaro (1); Settimo Vittone (3); Valchiusa (1); Val di Chy (1) e Vistrorio (1).

I Comuni che ieri hanno registrato un maggior numero di casi sono Volpiano che ne ha registrati 15 nuovi (49), Settimo Torinese ne ha registrati 32 (124); Mappano 15 (38 in totale); 15 anche Caselle Torinese (38); Borgaro Torinese 8 (50); Chivasso 8 (33); San Benigno 6 (11) e San Maurizio Canavese 6 (31: sul numero di San Maurizio Canavese, il Sindaco Paolo Biavati contesta all’Unità di Crisi 9 presunti positivi che secondo lui non erano stati “stornati” in precedenza. Al momento non è dato di sapere sono stati loro fatti i tamponi “finali” e se sono risultati negativi).

Per tutti gli altri casi leggere il “Il quadro riepilogativo dei casi di Covid, comune per comune”

urbanlungo

Leggi anche...