domenica 20 Giugno 2021
domenica, Giugno 20, 2021
spot_img

LOCANA – Le frazioni Fornolosa e Rosone hanno celebrato i 100 anni dalla nascita di don Fernando Salvetti

Molto amato dalla comunità, è rimasto nel cuore di chi lo ha conosciuto e nelle sue opere; a lui dedicato anche un salone e un libro

LOCANA – Sia in frazione Fornolosa che in frazione Rosone, a Locana, nei scorsi fine settimana, sono stati celebrati i cento anni dalla nascita di don Fernando Salvetti.

Molto amato dalla Comunità, don Salvetti era nato l’8 settembre 1920 e per 60 anni è stato parroco della Parrocchia di San Giuseppe e San Michele nelle due frazioni.

Don Salvetti è stato uno straordinario educatore di tanti giovani che attraverso di lui, giovane prete, venivano introdotti nel cammino di una fede concreta, testimoniata, vissuta in ogni istante della vita.

I suoi insegnamenti quotidiani, la sua casa aperta ai giovani, le chiacchierate, i suoi scritti rimarranno per sempre un ricordo vivo tra i fedeli che lo hanno conosciuto, così come le numerose attività pastorali, le opere, le azioni organizzate a beneficio della comunità.

Era un grande appassionato d’ alpinismo, un profondo conoscitore della flora e della fauna alpina, ma anche un esperto scrutatore delle costellazioni.

Nel giugno 2002 all’età di 82 anni, don Salvetti scriveva un breve testamento spirituale:

“Sono avanti negli anni . . . già troppo
Ringrazio il Signore per i benefici ricevuti: “Cristiano, Sacerdote e Parroco.
Confido nella Misericordia del Padre per la salvezza eterna.
Umilmente e seriamente imploro perdono per le mie deficienze nel ministero sacerdotale;
per la poca corrispondenza alle innumerevoli grazie;
per gli sbagli e debolezze della vita;
per la mancanza di carità, fedeltà, obbedienza nei rapporti con Mons. Vescovo e sacerdoti verso i superiori e verso i fedeli parrocchiani che pur sempre mi hanno amato e aiutato sia a Rosone e Fornolosa.
Ringrazio i miei parenti per l’affetto e l’aiuto sempre prestato a mio riguardo nel lungo periodo della mia vita.
Esorto i parrocchiani ad essere fedeli, vigili e attivi per tenere viva la realtà Parrocchiale – Chiesa e Case – frequentare la chiesa – mantenere la Fede e la Carità.
Vi attendo . . . . ma non ho fretta!
Il Signore mi accolga nella Sua Dimora e assista tutti voi nel cammino verso la stessa meta”.

urbanlungo

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img