domenica 25 Ottobre 2020

TORINO – Appendino condannata a 6 mesi: “Continuo nella mia carica di Sindaco; mi autosospendo dal M5s

Vicenda Ream: stessa condanna per l'assessore comunale al Bilancio, Sergio Ronaldo. Otto mesi, invece, per l'ex capo di Gabinetto Paolo Giordana.

TORINO – “Questa sentenza non pregiudica la possibilità di rimanere in carica e, quindi, porterò regolarmente a scadenza il mio mandato, in attesa del giudizio in appello.”

Commenta così la sentenza che la condanna a 6 mesi, il Sindaco di Torino Chiara Appendino, per la vicenda Ream.

E aggiunge: “Come previsto dal nostro regolamento interno, invece, mi autosospendo dal Movimento 5 Stelle, sempre fino al prossimo grado di giudizio che auspico arrivi nei tempi più brevi possibili.”

Stessa condanna per l’assessore comunale al Bilancio, Sergio Ronaldo. Otto mesi, invece, per l’ex capo di Gabinetto Paolo Giordana.

In un lungo post il primo cittadino ha commentato la vicenda.
“Oggi, dietro mia richiesta di rito abbreviato, è stata pronunciata sentenza per la cosiddetta vicenda Ream.

coferlungo

Le accuse mosse alla sottoscritta, all’assessore al Bilancio, al mio ex capo di gabinetto e al direttore finanziario del Comune erano di aver imputato nell’esercizio di bilancio sbagliato una sorta di “debito” atipico di 5 milioni di euro del Comune nei confronti della società Ream, generato nel 2012.

Noi l’abbiamo iscritto, d’accordo con la società Ream, nel 2018, scelta per la quale anche la Corte dei Conti, pur sollecitata da più fronti, non ha mai mosso alcun rilievo. Secondo la Procura, invece, questo debito andava iscritto nel bilancio 2016.

Oggi, la Gup, ha validato la tesi della Procura, emettendo sentenza di condanna per “falso in atto pubblico” per il bilancio 2016 mentre sono stata assolta, dalla stessa accusa, per il bilancio 2017 perchè il fatto non sussiste.”

“Ricorrerrò in appello, – prosegue Appendino – certa della mia innocenza e della mia assoluta buona fede. Sono stata anche assolta dall’accusa di “Abuso d’ufficio” anche in questo caso perchè il fatto non sussiste. In primo luogo tengo a sottolineare che, come è evidente anche dalle carte processuali, non ho tratto alcun vantaggio personale, anzi: l’accusa, nella sostanza, era di aver ingiustamente “avvantaggiato” il Comune. Non ho mai avuto alcun problema a risanare un bilancio “disastrato” come quello ereditato, anche con manovre impopolari. Questa cifra, definita dal perito “peanuts” noccioline (parliamo di meno dello 0,4% del bilancio dell’Ente), poteva anche essere inserita nel bilancio 2016, senza portare in dissesto l’ente, sempre a detta dei periti.

CAMPAGNA AMICA BANNER 730originalvenariabannerpircc

Non avrei mai avuto, dunque, il movente per commettere intenzionalmente il falso.

Semplicemente, in un quadro normativo molto complesso e in una situazione definita dai periti “unicum”, “peculiare” e “eccezionale”, abbiamo scelto di imputarla al 2018 perché ritenevamo fosse la scelta giusta da fare alla luce delle informazioni in nostro possesso e degli accordi intercorsi. Se è stato fatto questo errore, ribadisco che è stato fatto in assoluta buona fede e senza alcuna volontarietà di commettere il falso. Ed questa è la tesi per cui ci batteremo fino all’ultimo grado di giudizio.”

Commenta così la sentenza che la condanna a 6 mesi, il Sindaco di Torino Chiara Appendino, per la vicenda Ream.

E aggiunge: “Come previsto dal nostro regolamento interno, invece, mi autosospendo dal Movimento 5 Stelle, sempre fino al prossimo grado di giudizio che auspico arrivi nei tempi più brevi possibili.”

Stessa condanna per l’assessore comunale al Bilancio, Sergio Ronaldo. Otto mesi, invece, per l’ex capo di Gabinetto Paolo Giordana.

In un lungo post il primo cittadino ha commentato la vicenda.
“Oggi, dietro mia richiesta di rito abbreviato, è stata pronunciata sentenza per la cosiddetta vicenda Ream.

Le accuse mosse alla sottoscritta, all’assessore al Bilancio, al mio ex capo di gabinetto e al direttore finanziario del Comune erano di aver imputato nell’esercizio di bilancio sbagliato una sorta di “debito” atipico di 5 milioni di euro del Comune nei confronti della società Ream, generato nel 2012.

Noi l’abbiamo iscritto, d’accordo con la società Ream, nel 2018, scelta per la quale anche la Corte dei Conti, pur sollecitata da più fronti, non ha mai mosso alcun rilievo. Secondo la Procura, invece, questo debito andava iscritto nel bilancio 2016.

urbanlungo

Oggi, la Gup, ha validato la tesi della Procura, emettendo sentenza di condanna per “falso in atto pubblico” per il bilancio 2016 mentre sono stata assolta, dalla stessa accusa, per il bilancio 2017 perchè il fatto non sussiste.”

“Ricorrerrò in appello, – prosegue Appendino – certa della mia innocenza e della mia assoluta buona fede. Sono stata anche assolta dall’accusa di “Abuso d’ufficio” anche in questo caso perchè il fatto non sussiste. In primo luogo tengo a sottolineare che, come è evidente anche dalle carte processuali, non ho tratto alcun vantaggio personale, anzi: l’accusa, nella sostanza, era di aver ingiustamente “avvantaggiato” il Comune. Non ho mai avuto alcun problema a risanare un bilancio “disastrato” come quello ereditato, anche con manovre impopolari. Questa cifra, definita dal perito “peanuts” noccioline (parliamo di meno dello 0,4% del bilancio dell’Ente), poteva anche essere inserita nel bilancio 2016, senza portare in dissesto l’ente, sempre a detta dei periti.

Non avrei mai avuto, dunque, il movente per commettere intenzionalmente il falso.

Semplicemente, in un quadro normativo molto complesso e in una situazione definita dai periti “unicum”, “peculiare” e “eccezionale”, abbiamo scelto di imputarla al 2018 perché ritenevamo fosse la scelta giusta da fare alla luce delle informazioni in nostro possesso e degli accordi intercorsi. Se è stato fatto questo errore, ribadisco che è stato fatto in assoluta buona fede e senza alcuna volontarietà di commettere il falso. Ed questa è la tesi per cui ci batteremo fino all’ultimo grado di giudizio.”

Original Marines
- Advertisement -

Leggi anche..

TORINO – Dragonette: promuovere il benessere a colpi di pagaia (VIDEO)

TORINO - A Torino dal 2010 le Dragonette, le donne in rosa del dragon-boating, associazione fondata da donne operate di tumore...

TORINO – Arrestato il vice Presidente di un circolo privato per detenzione e spaccio di droga (VIDEO)

TORINO - Avendo avuto notizia di una presunta attività di spaccio all’interno di un circolo privato in via Cuneo, mercoledì sera...

GRUGLIASCO – Terminate a notte fonda le operazioni di spegnimento dell’incendio in via La Salle

GURGLIASCO – Sono terminate questa notte intorno all'una le operazioni di spegnimento dell'incendio che è divampato nel tardo di ieri, giovedì...

GRUGLIASCO – Tetto in fiamme in via La Salle (FOTO)

GRUGLIASCO – Sono ancora in corso le operazioni di spegnimento del vasto incendio che sta divorando il tetto di un'abitazione in...

TORINO – Trapianto di midollo osseo al Regina Margherita, salvata un bimba di 3 anni

TORINO - Nel mese di agosto è stata accolta presso la Oncoematologia pediatrica dell'ospedale Infantile Regina Margherita della Città della Salute...

Ultime News

TORINO – Dragonette: promuovere il benessere a colpi di pagaia (VIDEO)

TORINO - A Torino dal 2010 le Dragonette, le donne in rosa del dragon-boating, associazione fondata da donne operate di tumore...

CORONAVIRUS – Firmato il nuovo DPCM: chiusura dei locali alle 18

CORONAVIRUS – Non ha ascoltato completamente le Regioni il Premier Giuseppe Conte che nella notte ha firmato il nuovo DPCM che...

L’AMORE UNIVERSALE

Voglio ispirarmi all'Enciclica "Fratelli tutti" di Papa Francesco. Non riporto qui  l'intero documento disponibile però sul sito www.vatican.va.Ma qualche considerazione vorrei...

CASTELLAMONTE – Auto in fiamme in via XXV Aprile (FOTO)

CASTELLAMONTE – Intervento nella notte, dei Vigili del Fuoco di Castellamonte e Ivrea, in via XXV Aprile a Castellamonte.

VOLPIANO – Sequestrati due fucili e diverse munizioni: un arresto e una denuncia

VOLPIANO - Sequestrati due fucili e munizioni, nell'ambito di specifici servizi di disposti dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Torino; arrestata...
X