lunedì 30 Novembre 2020

TORINO – Nursind: “Chiudere il servizio psichiatrico del Mauriziano è una follia”

Coppolella: “I dati lo dimostrano”

TORINO – “Chiudere il servizio psichiatrico diagnosi e cura del Mauriziano, è una follia”.

Lo dichiara Francesco Coppolella, Segretario Nursind Piemonte. E lo fa in base ai dati:

17 posti letto, 300 ricoveri in un anno con un tasso di occupazione del 90,02%. Una presenza media giornaliera di 15,30 pazienti con una media di ricovero giornaliero dello 0,78%. 5550 giornate di ricovero. 72 pazienti ricoverati in regime di trattamento sanitario obbligatorio. Il 26% dei ricoverati.

“Tralasciando i dati relativi alle importanti e gravi diagnosi trattate, ci chiediamo come sia possibile di fronte a questi dati operare un simile taglio.
17 posti letto in meno per la psichiatria torinese e per un vasto territorio della città che visti in numeri lasciano presagire importanti ripercussioni sulla salute dei cittadini affetti da queste patologie e sull’organizzazione dei servizi che si occupano di queste fragilità.
Il reparto in questione che si può considerare una terapia intensiva delle patologie psichiatriche e gestito dal personale sanitario dell’asl città di Torino ed è stato  utilizzato per incrementare i posti letto di pazienti covid durante la pandemia. Le motivazioni che non tengono conto dei dati relativi alle attività del reparto non ci sembrano sufficienti a giustificare il taglio dei posti letto. Un taglio grave, senza credibili giustificazioni se non quello di risparmiare sulla pelle di soggetti fragili e su chi se ne occupa.”

“La domanda è semplice, – prosegue Coppolella – dove finiranno questi pazienti, questi ricoveri, questi tso tenuto conto che il tasso di occupazione degli altri servizi psichiatrici hanno un tasso di occupazione anche più alto? Ci chiediamo se sia stata data una risposta a questa semplice domanda.
È ovvio che se si tagliano posti letto e non si creano alternative il passaggio da un letto ad una barella in un pronto soccorso è scontato con tutte le difficoltà di gestione che  la tipologia di paziente comporta. È altrettanto ovvio che senza ulteriori strumenti territoriali, gestire i pazienti che necessitano di ricovero e di un trattamento di cura intensiva , non lo si potrà fare senza incorrere in gravi conseguenze per gli stessi pazienti. È del tutto evidente che l’emergenza covid non ha insegnato nulla e che la priorità resta quella di tagliare i costi sulla pelle dei più deboli. Alcune avvisaglie di questo taglio sono già arrivate da un incremento di pazienti che si rivolgono ad altri pronto soccorso della città.”


Original Marines

Per il tuo Natale...

- Advertisement -

Leggi anche..

TORINO – Il Covid-19 può essere diagnosticato anche con un’ecografia del polmone

TORINO - Uno studio dell'ospedale Molinette di Torino ha stabilito che anche una semplice ecografia del polmone può diagnosticare la polmonite da Covid 19...

TORINO – Rubano una vettura a Carmagnola e si schiantano: denunciati (VIDEO)

TORINO - I Carabinieri hanno arrestato un corriere della droga e denunciato due persone a Carmagnola per rapina e per furto d'auto. A Carmagnola i...

TORINO – Covid: Città Metropolitana preoccupata per la situazione nelle RSA

TORINO - La Città metropolitana di Torino attraverso l'intervento del vicesindaco Marco Marocco esprime preoccupazione per la situazione nelle RSA del territorio, sia rispetto...

CERES / TORINO – Arrestate tre persone per furto (VIDEO)

CERES / TORINO - Nell'ambito dei controlli anti.-Covid, i carabinieri hanno arrestato tre persone per furto. A Ceres, i militari dell’Arma hanno arrestato un italiano...

TORINO – Si reca dai Carabinieri per autodenunciare il possesso di una pistola

TORINO - A Torino, i militari dell’Arma hanno arrestato per porto illegale di armi e munizioni e per ricettazione, un italiano di 31 anni...

Ultime News

Rock Politick – L’On. Augusta Montaruli

Rock Politick – Ospite di Rock Politick in remoto l'On. Augusta Montaruli di Fratelli d'Italia. Con lei abbiamo parlato dei “colori” tra le varie...

CORONAVIRUS – Oggi in Piemonte 2.021 nuovi casi; 74 in Canavese

CORONAVIRUS - L’Unità di crisi della Regione Piemonte ha comunicato 2.021 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 in Piemonte, pari al 14,3%...

BROSSO – Si ferisce mentre taglia legna, ricoverato al CTO

BROSSO - Grave incidente oggi, domenica 29 novembre, a Brosso, in Valchiusella. Un uomo sulla sessantina si è ferito con un attrezzo montato sul trattore,...

CANAVESE – Il Sindaco di Ozegna sul nuovo ospedale: “Perchè ad Ivrea??”

CANAVESE – Il Sindaco di Ozegna, Sergio Bartoli, ha inviato ai media alcune riflessioni sulla realizzazione del nuovo ospedale. “Dalle ultime dichiarazioni da parte di...

TORINO – Il Covid-19 può essere diagnosticato anche con un’ecografia del polmone

TORINO - Uno studio dell'ospedale Molinette di Torino ha stabilito che anche una semplice ecografia del polmone può diagnosticare la polmonite da Covid 19...