venerdì 7 Maggio 2021

CANANAVESE – Indennità Covid, Uil Fpl Asl To4: “Indennità vergognosa!”

“I lavoratori della Sanità non sono artisti di strada che cercano applausi dai balconi e, pertanto, non fanno cappello!!!”

CANAVESE – “Pensavamo di averne viste di tutti i colori in questa emergenza ma ora siamo alle comiche, anzi alle tragicomiche!!!”

È quanto afferma il Sindacato Uil FPL Asl To4, sull’indennità che l’Asl To4 ha deciso di elargire al personale in prima linea sul fronte Covid.

“La Direzione Generale ha, motu proprio, – prosegue – deciso a chi è giusto e a chi no riconoscere indennità (peraltro contrattuali). Ben 5 euro e 16 centesimi per ogni turno di lavoro…Pertanto se per necessità aziendale sono stati fatti turni da 12 ore, nonostante più volte avessimo sottolineato la possibile anomalia, verrà riconosciuto solo 1 turno. Coloro che lavorano in Dea, Rianimazione, Utic avranno la bella sorpresa di vedere l’ex indennità terapia intensiva/sub-intensiva di 4 € e 13 centesimi a turno, trasformarsi, come per incanto, in una bella indennità di malattie infettive pari a 5 € e 16 centesimi a turno (ben 1 € e 3 centesimi in più…praticamente potranno mangiare gratis in mensa, sempre che le condizioni lavorative lo permettano…).

Per tutti gli altri lavoratori che percepiscono o meno l’indennità terapia intensiva/sub-intensiva, non è dato di sapere, dalla comunicazione ricevuta dalla Direzione Generale, se saranno considerati operanti in “area covid” nonostante molti di loro abbiano contratto il virus.”

“E’ vergognoso che, – conclude – durante l’ultimo incontro in videoconferenza di mercoledì 13 maggio scorso, la Direzione non abbia fatto il benché minimo accenno alla suddetta questione nemmeno quando abbiamo chiesto di valutare, a fronte del disagio nella vestizione e della scarsità di DPI, il riconoscimento dei 30 minuti per la mancata fruizione della pausa. La risposta, in merito, è stata negativa affermando l’impossibilità che un lavoratore non possa trovare neanche 10 minuti di riposo nel corso di un turno. I lavoratori della Sanità non sono artisti di strada che cercano applausi dai balconi e, pertanto, non fanno cappello!!!

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img