martedì 2 Marzo 2021

RIVAROLO CANAVESE – Riaprono i cimiteri e si riattivano i distributori di acqua e latte

Mettendo in atto tutte le norme di sicurezza, dal 4 maggio si potrà attuare il servizio di ristorazione d'asporto

Rivarolo mercato

RIVAROLO CANAVESE – Da lunedì 4 maggio verranno riaperti i cimiteri di città e frazioni e verranno rimessi in funzione i distributori dell’acqua e del latte.

Sabato 2 maggio tornerà il mercato (alimentare) del sabato, con le stesse prescrizioni e limitazioni del mercato di mercoledì.

Lo ha annunciato ieri sera il Sindaco Alberto Rostagno, sulla pagina social del Comune.

“Da lunedì 4 maggio anche da noi, come in tutto il Piemonte, – ha dichiarato Rostagno – sarà consentita l’attività di ristorazione da asporto (tranne che nella città di Torino). È stato trovato un accordo in tal senso. La soluzione individuata è quella che, attraverso il consigliere regionale Claudio Leone, che ringrazio, ho sollecitato all’amministrazione regionale per venire incontro alle esigenze dei ristoratori locali, essa consente il servizio di ristorazione da asporto, mettendo in atto tutte le norme di sicurezza per evitare la diffusione e/o il ritorno del virus. Auguro un buon lavoro ai nostri ristoratori.”

Il primo cittadino ha poi dchiarato che le tre farmacie rivarolesi, in attesa di poter acquistare le mascherine chirurgiche dai rivenditori a prezzi concordati con il Governo, hanno deciso di ribassarne ancora il prezzo.

“Da ieri le stanno vendendo sottocosto, al prezzo di 60 centesimi di Euro l’una. Un prezzo nettamente inferiore a quello di acquisto, che verrà ulteriormente abbassato a 50 centesimi di Euro non appena i farmacisti potranno acquistare le mascherine a prezzi più bassi, come annunciato dal Presidente del Consiglio in conferenza stampa.

A livello locale noi amministratori, insieme ai dipendenti comunali, agli operatori sanitari, ai farmacisti, alla Protezione Civile, alla Croce Rossa, alle associazioni di volontariato, alle associazioni di categoria e ai singoli cittadini, stiamo facendo, ognuno nel proprio ruolo, tutto il possibile, seguendo le indicazioni della comunità scientifica, della Regione e del Governo, per la gestione dell’emergenza e per il post emergenza a favore e per il benessere della nostra comunità.”

Rostagno ha poi aggiunto, in chiusura, che “Dichiarare pubblicamente che il Sindaco si nasconde dietro la burocrazia per non aver fatto svolgere il mercato di sabato 25 aprile, quando l’obbligo di chiusura di tutte le attività commerciali il 25 Aprile ed il 1° Maggio è stato imposto, ben motivato, da un’ordinanza regionale, è un’arida strumentalizzazione che va nella direzione opposta a quella della maggioranza dei cittadini rivarolesi: quella della responsabilità, della maturità, del rispetto reciproco, della solidarietà, del senso civico e del buon senso”.

rivarolo protezione civile mercato

Leggi anche...