lunedì 8 Marzo 2021

RIVAROLO CANAVESE – Salgono a 50 i positivi; 3 contagi all’Anffas

Posti in quarantena coloro che sono venuti in contatto con le persone positive

RIVAROLO CANAVESE – Il totale dei cittadini positivi al test si attesta a 50 persone. 4 cittadini sono deceduti nei giorni scorsi e 4 sono guariti. I cittadini ancora ricoverati in Ospedale sono stazionari.

Presso la struttura RSA – Anffas di Corso Indipendenza un ausiliario, addetto in cucina (non residente a Rivarolo), è risultato, seppur asintomatico, positivo al tampone del coronavirus. La direzione della struttura ha immediatamente attivato tutte le procedure del caso con l’igienizzazione dei locali, con le procedure dettate dal servizio di igiene e sanità pubblica, con la chiusura e la disinfezione della cucina e dei locali mensa. La persona infetta è stata posta in quarantena al domicilio, così come sono state posti in quarantena tutti gli operatori che hanno avuto contatti con l’addetto alla cucina. Anche due ospiti dell’Anffas, un’ospite della residenza “Claudio” e un’ospite della residenza “Antonietta”, sono risultati positivi al Covid-19.

“Ho sentito telefonicamente più volte ieri – afferma il Sindaco Alberto Rostagno – i responsabili i quali mi hanno confermato di avere separato tutti gli ospiti, di essere in continuo contatto con l’Unità di Crisi, con il SISP dell’ASL TO4 e di aver preso tutte le precauzioni possibili per evitare la diffusione del contagio. La situazione è sotto controllo e non c’è motivo di allarme. Gli ospiti positivi sono in discrete condizioni di salute. Ho immediatamente richiesto all’Assessore regionale alla Sanità Dr. Icardi e al Direttore Generale dell’ASL TO4 Dr. Ardissone, l’esecuzione dell’esame con il tampone per tutto il personale di servizio e per gli ospiti della RSA. Sono riuscito ad ottenerlo, domani mattina verrà eseguito il tampone a tutto il personale di servizio della struttura e nei prossimi giorni sarà eseguito anche agli ospiti. Nelle strutture socioassistenziali convivono persone particolarmente fragili e la possibilità di ammalarsi di malattie infettive e virali è decisamente più elevato che in altri contesti. Conoscendo la serietà della gestione e la professionalità degli operatori che lavorano nella RSA/ANFFAS di Rivarolo, sono certo che è stato fatto e sarà fatto tutto il possibile per evitare il propagarsi del contagio.”

Alla casa di Riposo “San Francesco” di via Le Maire la situazione continua ad essere tranquilla e NON si sono registrati casi di positività.

Leggi anche...