lunedì 30 Marzo , 2020

IVREA – L’appello del Presidente di Confindustria Canavese alle aziende del territorio

“Dobbiamo avere fiducia e pensare che arriverà il momento in cui tutto questo sarà soltanto un ricordo

IVREA – Patrizia Paglia, Presidente di Confindustria Canavese, alla luce del nuovo decreto, lancia un appello alle aziende canavesane.

“Il Decreto emanato dal Presidente del Consiglio dei Ministri ieri, 22 marzo, con il quale è stato rallentato il motore produttivo del Paese, si è reso assolutamente necessario per cercare di contenere quanto più possibile la diffusione dell’epidemia e proteggere “il bene più importante, la vita”, come ha dichiarato il premier Conte.

Le nuove misure restrittive esigono un immenso sacrificio da parte delle imprese, ma si tratta di rinunce che ci consentiranno di uscire dall’emergenza in tempi minori e ci daranno la possibilità di affrontare la ripresa più facilmente e con minori ostacoli da superare.

Perché la vita tornerà alla sua normalità, non c’è dubbio. Dobbiamo però fare appello al nostro senso di responsabilità per fare in modo che tutto rientri il prima possibile e rispettare con abnegazione e grande senso del dovere le regole stabilite dal governo. Quando questa condizione eccezionale sarà finalmente superata, molto probabilmente sarà necessaria una ricostruzione, ma non ci dobbiamo spaventare.

Per ripartire dopo il virus l’ingrediente essenziale è la fiducia, sin da ora. Stiamo vivendo giorni complicati e difficili, non riusciamo ancora a vedere spuntare il sole all’orizzonte, ma dobbiamo avere fiducia e pensare che arriverà il momento in cui tutto questo sarà soltanto un ricordo.”

“Fermarsi è assolutamente necessario. – Prosegue – Per il bene nostro, dei nostri collaboratori e delle loro famiglie e, soprattutto, per medici e personale sanitario che da settimane sono in prima linea (correndo rischi e, purtroppo, talvolta pagando con la propria vita) combattendo ogni giorno la battaglia contro questo temibile virus.

Il mio invito però è quello di affrontare questo stop con positività e trasformarlo in un’opportunità facendo in modo che il tempo che ci siamo trovati improvvisamente ad avere a disposizione diventi una preziosa risorsa per tutti noi. Tempo che abbonda per chi fino a ieri aveva i minuti scanditi dalle attività quotidiane della propria impresa e adesso è sorprendentemente, quasi inspiegabilmente, fermo ad aspettare che “questa cosa” passi.

Il tempo non va sprecato perché la misura corretta del tempo non è quello che passa ma quello che resta. Dunque, dobbiamo agire!”

“Non perdiamo quindi tempo a ipotizzare date sulla fine dell’emergenza, -conclude Paglia – non stiamo immobili in attesa che finalmente si superi questa pandemia, ma sfruttiamo questo momento per dedicarci a tutte quelle attività che tendiamo a trascurare presi dalle urgenze e dagli affanni di ogni giorno: ragioniamo su come ottimizzare ed efficientare i processi della nostra azienda, riorganizziamo (per iniziare almeno sulla carta) gli spazi e i layout, riflettiamo sui rischi dei prodotti maturi, valutiamo nuovi obiettivi…

In buona sintesi fermiamo la produzione, ma approfittiamo di questa pausa per ricaricare la nostra mente imprenditoriale.

Sono certa che, impegnando così il nostro tempo, non solo ci peserà meno l’attesa del momento in cui potremo finalmente dire di avere lasciato alle spalle l’emergenza, ma saremo pronti ad affrontare nel migliore dei modi la ripresa che ci attende.”

CANAVESE – Il quadro riepilogativo dei contagi comune per comune

CANAVESE – In espansione i Comuni che contano almeno un contagiato al Coronavirus Covid-19, così come, purtroppo, i decessi.

Leggi anche...

- Advertisement -
- Promozione Sociale -
- Advertisement -