sabato 24 Luglio 2021
sabato, Luglio 24, 2021
spot_img

RIVAROLO CANAVESE – Tre nuovi casi positivi, tra i quali un ragazzo del 1994

I pazienti ricoverati sono stazionari

RIVAROLO CANAVESE – Tre nuovi contagi a Rivarolo oggi, tra cui anche un giovane del 1994. Salgono così a 14 i casi positivi in città.

Lo conferma il Sindaco Alberto Rostagno:

“A Rivarolo la situazione è sempre molto critica, anche oggi abbiamo registrato 3 nuovi casi di cittadini positivi al test. Salgono così a 14 in totale i cittadini rivarolesi risultati positivi al tampone, di cui uno deceduto alcuni giorni fa. Purtroppo, non solo gli anziani vengono colpiti dal coronavirus, anche cittadini molto giovani, uno dei nuovi casi di oggi a Rivarolo è un giovane nato nel 1994. Non ne conosco il perché, sicuramente di tipo biologico, ma statisticamente il dato del contagio dei nostri concittadini è molto significativo e degno di attenzione da parte degli esperti: su 14 infetti, 13 sono uomini, solo 1 è donna. Dal punto di vista clinico, ho sentito questa sera i reparti ospedalieri (reparti Covid 1-2-3 e le rianimazioni), i pazienti rivarolesi ricoverati nei vari nosocomi sono stazionari.”

I cittadini sono “obbligati” a rispettare le misure.

“Le ultime, più restrittive ordinanze, – prosegue Rostagno – le decisioni che è stata costretta ad assumere l’amministrazione comunale negli ultimi giorni e gli appelli a rimanere a casa, stanno dando i primi risultati, si vedono meno cittadini in giro. Le sanzioni comminate ieri dalla Polizia Municipale e il controllo serrato del territorio da parte dei Vigili Urbani, delle Forze dell’Ordine (in primis dai nostri Carabinieri) e dalla Protezione Civile “L’Equilatero” hanno fatto sì che anche i cittadini meno rispettosi delle regole, siano stati costretti a rispettarle. Spiace constatare che ad alcuni cittadini per far rispettare le regole si debbano utilizzare la “maniere forti”, quando con un po’ più di senso civico, si potrebbero destinare risorse umane ad altri più importanti servizi.

Ringrazio i concittadini e tutti coloro che hanno capito la gravità del momento, rispettando leggi e ordinanze. Grazie a tutti gli operatori sanitari, ai Carabinieri, ai Finanzieri, alla Polizia Municipale, alla Protezione Civile e a tutti i volontari che stanno lavorando senza sosta per la nostra salute, per il nostro futuro.”

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img