martedì 7 Aprile , 2020

CORONAVIRUS - CASI IN ITALIA

Italy
132,547
Totale Casi Confermati
Italy
16,523
Totale Deceduti
Italy
22,837
Totale Guariti
Italy
93,187
Totali Positivi

Casi in Canavese - Clicca qui

Casi nel Mondo - Clicca qui

Coronavirus, il Credito Cooperativo in campo per le terapie intensive

- Advertisement -
ROMA  – “#Terapie intensive contro il virus. Le BCC e le CR ci sono!”. E’ l’iniziativa unitaria di solidarieta’ attivata dal sistema italiano del Credito Cooperativo. Obiettivo e’ rafforzare i presidi di terapia intensiva e sub-intensiva degli Ospedali, nonche’ di acquistare apparecchiature mediche, in coordinamento con il ministero della Salute.
L’iniziativa – che si propone di concretizzare almeno un’iniziativa per regione – e’ promossa dalle Capogruppo dei Gruppi Bancari Cooperativi, dalla Federazione Raiffeisen dell’Alto Adige e da Federcasse che ne cura anche il supporto tecnico.
Sono stati attivati tre conti correnti con la medesima denominazione “Terapie intensive contro il virus. Le BCC e le CR ci sono” presso rispettivamente Iccrea Banca, Cassa Centrale Banca e Cassa Centrale Raiffeisen sui quali potranno confluire i contributi delle singole Banche di Credito Cooperativo-Casse Rurali-Casse Raiffeisen e dei soci, collaboratori, clienti e comunita’ locali nelle quali opera il Credito Cooperativo”.
Queste le coordinate bancarie: Iccrea Banca IBAN IT84W0800003200000800032006. Cassa Centrale Banca IBAN IT58R0359901800000000145452. Cassa Centrale Raiffeisen IBAN IT20Y0349311600000300058513.
“Nelle settimane scorse moltissime BCC-CR-Casse Raiffeisen hanno assunto singole iniziative a supporto di ospedali e unita’ sanitarie nei rispettivi territori – si legge in una nota -. Nei tempi di difficolta’ il Credito Cooperativo non ha mai mancato di rappresentare concretamente la propria vicinanza a soci, clienti e comunita’ locali. Lo ha fatto nel corso della lunga crisi economica, nella quale tante imprese e famiglie hanno potuto contare sul sostegno creditizio delle BCC. Ma anche in occasione delle emergenze, sia vicine sia lontane. Ricordiamo le iniziative di solidarieta’ per i bambini di Mogadiscio e Sarajevo, per le popolazioni asiatiche colpite dallo tsunami, dopo il terremoto di Haiti, e – nel nostro Paese – per i terremoti di Marche e Umbria 1997, del Molise 2002, de L’Aquila 2009, Emilia e Bassa Lombardia 2012, Centro Italia 2016”.
A queste iniziative “di sistema” se ne sono aggiunte nel tempo centinaia di altre delle singole BCC-CR-Casse Raiffeisen. Oggi, l’intero Credito Cooperativo – un sistema di banche di comunita’ che nel bene e nel male condivide le sorti dei territori di cui e’ espressione – si sente particolarmente vicino alle popolazioni delle Regioni piu’ colpite, ai medici e a tutto il personale sanitario impegnato in prima linea per soccorrere i malati. Ai quali vuole far giungere la propria concreta (SEGUE).solidarieta’.
(ITALPRESS).

Leggi anche...

- Advertisement -
- Advertisement -