sabato 5 Dicembre 2020

CANAVESE – Nursind chiede un incontro urgente all’Asl To4

“Il ruolo del sindacato che si interfaccia con i dipendenti è importante”

CANAVESE – “Preso atto che mentre altre aziende incontrano il sindacato per informare, condividere, proporre, interventi, soluzioni, pareri, l’Asl To4 come sempre, nonostante le tante criticità si distingue e viaggia da sola in questo momento difficile dove il confronto dovrebbe essere costruttivo per tutti, considerato anche l’importante ruolo del sindacato che si interfaccia direttamente con i dipendenti.”

A dichiararlo è Giuseppe Summa, Segretario Territoriale Nursind, che precisa di aver inviato una lettera ai vertici aziendali con una richiesta urgente di incontro per discutere delle criticità legate alle misure preventive, alla necessità di nuovo personale e al riconoscimento del disagio che gli infermieri e il resto del personale si trova a vivere tra quarantena, richiamate in servizio ecc.

Ecco la lettera:

“Giungono alla scrivente O.S. numerosissime segnalazioni in merito a criticità organizzative, carenze di organico e altre che riguardano la salute degli stessi lavoratori. A titolo esemplificativo, ci segnalano che è intenzione di questa Azienda accorpare alcuni servizi e collocare a riposo diversi lavoratori, che dovranno comunque rendersi disponibili in qualsiasi momento. Ci segnalano che il personale del PS di Chivasso dalla giornata di ieri sta effettuando turni da 12 ore consecutive e che addirittura non avrebbe accesso alla mensa.

Inoltre nei vari presidi ospedalieri, non viene garantita la presenza della doppia sorveglianza, che deve dividersi tra tenda pre-triage e locali pronto soccorso.

Per rendere disponibili i posti letto di terapia intensiva, stanno aumentando i trasferimenti/ricoveri di pazienti instabili presso i reparti di degenza e soprattutto le medicine. A tal proposito sono anni che chiediamo invano di avere posti letto di subintensiva con personale dedicato e che oggi avrebbero garantito maggior respiro alle terapie intensive oltre ad appropriatezza dei ricoveri. Numerose segnalazioni relative a carenza di personale infermieristico e di supporto giungono da diversi servizi e in alcuni le assenze improvvise non vengono più coperte, abbassando pericolosamente i livelli assistenziali.

In merito alla sicurezza degli operatori invece, ci segnalano carenza/assenza di DPI, inadeguatezza locali di isolamento in pronto soccorso, mancata chiusura dei locali e sanificazione dopo riscontro positività dei pazienti al coronavirus non isolati (pronto soccorso Chivasso, medicina? Rianimazione?)

Inoltre contrariamente a quanto sta accadendo in altre aziende, per il personale entrato in contatto non è stata predisposto controllo con tampone, allontanamento domiciliare e non sono state fornite indicazioni in merito ai rischi per i loro figli e parenti.

Queste descritte rappresentano solo il 10% delle problematiche che quotidianamente ci vengono segnalate e non ricevendo alcuna comunicazione da parte di questa Azienda, non è possibile dare informazioni corrette ai lavoratori, aumentando notevolmente il lor disagio in una situazione di elevato stress psico-fisico.

Si ricorda inoltre che il personale e in particolare quello turnista del pronto soccorso, deve far fronte a situazioni come la chiusura delle scuole con elevate criticità organizzative ed economiche per la custodia dei figli.

Pertanto, per tutte le criticità sopradescritte, pur comprendendo le difficoltà del momento, chiediamo un incontro urgenitssimo (anche limitato a poche persone o in videoconferenza) così come sta avvenendo in altre aziende.

Inoltre si chiedono i seguenti interventi: Immediata assunzione di personale; Potenziamento personale dei servizi maggiormente in difficoltà; Maggiore fornitura di DPI e disinfettante per le mani; Tutela della salute del personale venuto in contatto con pazienti positivi a Coronavirus (si allega documento altra azienda); Riservare posti auto per il personale del P.S.; Garanzia accesso mensa o comunque consumo pasto per il personale maggiormente coinvolto nell’emergenza; Stop decurtazione automatica dei 30 minuti di pausa mensa; Remunerazione prestazione aggiuntive per il personale costretto a lavorare oltre le 7,12 ore; Sospensione decurtazione premialità almeno in caso di malattia del personale sanitario; Utilizzo residui fondi per retribuire il disagio del personale al quale non può essere riconosciuto contrattualmente l’indennità di malattie infettive; – incremento della premialità del personale coinvolto nell’emergenza,al fine di poter agevolare il personale nella gestione dei figli o familiari da assistere (babysitter, badante….) o comunque per la remunerazione del disagio in generale; Creazione di aree con posti letto di terapia sub-intensiva con personale dedicato; Pagamento della premialità (retr. di risultato) già durante il periodo di prova.

Original Marines

Per il tuo Natale...

- Advertisement -

Leggi anche..

CORONAVIRUS – I bollettini di oggi, 4 dicembre, in Canavese, Piemonte e Italia

CORONAVIRUS – Oggi, venerdì 4 dicembre, l'Unità di Crisi della Regione Piemonte ha registrato 2132 nuovi casi, con 20.846 tamponi eseguiti, per una percentuale...

CANAVESE – Scende il numero dei ricoverati in reparto e in terapia intensiva; Vercellino sul nuovo ospedale

CANAVESE – Cala lievemente la pressione sul sistema sanitario canavesano. Dagli aggiornamenti forniti in data odierna dall'Asl To4 al momento sono 504 i pazienti...

VIABILITÀ – Prima neve: 150 addetti, 640 mezzi 7 frese da neve e 40 pale meccaniche per rendere le strade praticabili

VIABILITÀ - È scesa in queste ore la prima neve sulle montagne del Torinese e i responsabili tecnici e il personale territoriale operativo delle Direzioni Viabilità  della Città...

CANAVESE – Nursind scrive all’Assemblea dei Sindaci sul nuovo ospedale

CANAVESE – Riceviamo da Nursind (Sindacato delle Professioni Infermieristiche) una lettera aperta rivolta all'Assemblea dei Sindaci e per conoscenza all'Assessore Icardi e al Commissario...

CORONAVIRUS – Scende ancora il numero dei positivi e anche il rapporto di incidenza

CORONAVIRUS – Oggi in Canavese sono stati registrati 52 nuovi casi positivi; 326 in meno per un totale attuali di 5531 positivi. È sceso il...

Ultime News

CORONAVIRUS – Nuove ordinanze: il Piemonte resta in zona arancione

CORONAVIRUS - Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato tre nuove Ordinanze sulla base dei dati della Cabina di Regia (DM 30 aprile 2020) che si...

CORONAVIRUS – I bollettini di oggi, 4 dicembre, in Canavese, Piemonte e Italia

CORONAVIRUS – Oggi, venerdì 4 dicembre, l'Unità di Crisi della Regione Piemonte ha registrato 2132 nuovi casi, con 20.846 tamponi eseguiti, per una percentuale...

CANAVESE – Scende il numero dei ricoverati in reparto e in terapia intensiva; Vercellino sul nuovo ospedale

CANAVESE – Cala lievemente la pressione sul sistema sanitario canavesano. Dagli aggiornamenti forniti in data odierna dall'Asl To4 al momento sono 504 i pazienti...

RIVAROLO CANAVESE – Lutto per la scomparsa di Franco Vittone, ex Presidente del Grap di Pasquaro

RIVAROLO CANAVESE – La città, il modo dell'associazionismo e in particolare frazione Pasquaro, in lutto per la scomparsa di Franco Vittone, 80. Franco Vittone ha...

ASTI – Vigili del Fuoco del Comando provinciale in stato di agitazione

ASTI - “E’ la prima volta che i Vigili del fuoco del Comando provinciale di Asti entrano in stato di agitazione. A mia memoria...