martedì 27 Ottobre 2020

Salvini: “Difendere confini era mio dovere”

“Permettetemi di dire che se in quest’aula oggi qualcuno che scappa non è fra i nostri banchi ma tra i banchi del governo”. Il leader della Lega, Matteo Salvini, inizia così il suo intervento in Senato sul caso Gregoretti. Parole a cui replica la presidente della Camera, dicendo che “non era prevista la presenza del governo”. Salvini insiste: “Questa è l’immagine di oggi”. “Penso che questa immagine dica tutto tra chi ha la coscienza sporca e chi no”, aggiunge applaudito dai suoi.

“Se avessi dovuto ragionare per convenienza personale non avrei preso la decisione che ho preso. Si parla di un processo, non di una passeggiata”, ha detto ancora l’ex ministro dell’Interno, accusato di sequestro di persona aggravato, relativamente alla vicenda dei 131 migranti bloccati lo scorso luglio al largo di Augusta sulla nave della Guardia costiera.

“I miei due figli hanno diritto di ritenere che il loro papà fosse spesso lontano da casa non perché sequestratore, ma perché difendere i confini e la sicurezza del suo Paese era un suo dovere”, sottolinea poi. “Se avessi rubato, corrotto qualcuno, spacciato, scippato, stuprato, avrei paura, non ho paura, il ministro l’ho fatto nell’interesse del mio Paese”, ribadisce.

In ogni caso “a quel processo non andrò a difendermi, ma a rivendicare con fierezza il mio operato, di concerto con i colleghi di governo”. “Ritengo di aver difeso la mia Patria – ribadisce – non chiedo un premio, se ci deve essere un processo che ci sia”.

“Le dichiarazioni di Toninelli, Bonafede e Di Maio erano del giorno dello sbarco. Quindi o c’erano e non erano d’accordo o c’erano e non hanno capito. E sarebbe anche più grave”, continua Salvini che aggiunge: “Sono stufo di impegnare l’Aula su una questione che a me pare così tanto lampante: chiariamola una volta per tutte davanti un giudice. Volete una cavia: eccola”.

“Gli avversari in democrazia – sottolinea – si battono alle urne non in un’aula di tribunale”. “Rivendico con orgoglio di aver mantenuto una promessa elettorale – afferma allora – si sapeva che col voto alla Lega avremmo fatto di tutto per evitare gli sbarchi degli immigrati clandestini, e lo abbiamo fatto insieme agli amici dei 5Stelle per più di un anno”.

“Io sono convinto che l’archiviazione sarà la fine di questa vicenda e che coloro che oggi voteranno pensando di vincere, saranno sconfitti dalla verità e dalla realtà storica”, dice Salvini per il quale quello chiesto oggi alla Lega, il via libera al processo, ‘è una forzatura alla verità storica”. “Io – sottolinea – ho riletto il dispositivo del Tribunale di Catania in cui la Procura chiede l’archiviazione”.

Comunque, “vada come vada, i numeri sono chiari ed evidenti. C’è una maggioranza Pd-Iv-M5s che ritiene che io debba essere processato”. “Fino a pochi istanti fa – rivela – i parlamentari della Lega mi hanno chiesto di ripensarci ma non cambiamo, andiamo dritti, non abbiamo nulla di cui aver paura”. “Andiamo a testa alta e mettiamo la parola fine a questa aggressione politica, non da parte della magistratura, sia chiaro”, afferma.

Original Marines
- Advertisement -

Leggi anche..

Nuovo Dpcm, da Moretti a Vanzina: il cinema scrive a Conte 

Sigle ed artisti del cinema hanno scritto una lettera aperta al ministro Dario Franceschini ed al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, dicendosi sospesi e...

Galli: “Il non necessario a breve andrà tolto” 

"In ospedale lo sconforto, nel personale, è tangibile. Il reparto, almeno da noi, somiglia già molto a quello dello scorso marzo". Lo dice Massimo...

Locatelli: “Non rivivremo il lockdown, Paese è preparato” 

"I numeri italiani non possono che essere guardati con una certa preoccupazione, per quanto la nostra situazione sia favorevole rispetto a quella di altri...

Covid, Crisanti: “Misure restrittive con 7/8 mila casi al giorno”

"Se si arriva ai 7mila-8mila casi al giorno bisognerebbe prendere dei provvedimenti restrittivi". Lo dice Andrea Crisanti, virologo dell'Università di Padova, parlando degli ultimi...

Covid, Zaia: “In Veneto non c’è più emergenza”

"In Veneto ora non c'è più emergenza sanitaria. Abbiamo 28 persone in terapia intensiva, contro le centinaia di prima. Solo l'1,8 per cento dei...

Ultime News

PIEMONTE – Covid: 1625 nuovi casi in Piemonte; 88 nuovi in Canavese

PIEMONTE – Il bollettino dell'Unità di Crisi della Regione Piemonte oggi, lunedì 26 ottobre, ha registrato 1625 persone positive in più...

CASTELLAMONTE – Il Comitato locale di Croce Rossa riattiva il servizio di consegna a domicilio

CASTELLAMONTE - In seguito al sensibile aumento del numero di contagi da SARS-CoV-2 sul territorio, la Croce Rossa Italiana – Comitato...

CANAVESE – Covid: ospedali periferici al collasso; Nursind: “Non possono reggere accessi da Torino”

CANAVESE - Sono in aumento il numero di pazienti covid positivi che sono costretti a ricorrere alle cure del personale sanitario...

CANAVESE – Si valuta l’attivazione due nuovi Punti di accesso diretto per i tamponi, dedicati alle scuole

CANAVESE - L’ASL TO4 sta valutando per l’attivazione di due nuovi Punti di accesso diretto per l’esecuzione di test rapidi (test...

IVREA – Sale sul tetto dell’auto e grida contro il balcone dell’ex titolare poi prende a calci la volante

IVREA – È salito, in piena notte, sul tetto di una vettura parcheggiata e ha iniziato ad inveire verso il balcone...