venerdì 14 Maggio 2021
venerdì, Maggio 14, 2021
spot_img

TORINO – Il crocifisso entra a Palazzo Lascaris

TORINO – Entra in Aula del Consiglio regionale il crocifisso, fortemente voluto dalla maggioranza di Palazzo Lascaris e votato oggi a larga maggioranza, con 27 favorevoli e 8 contrari.

“Rimettiamo al centro i valori fondanti della nostra nazione, non abbiamo paura della nostra identità, che non è un fattore divisorio ma unisce tutti coloro che scelgono l’Italia come posto in cui vivere, – commenta il presidente del Gruppo Lega Salvini in Consiglio regionale Alberto Preioni – simbolo che più di tutti rappresenta non solo la nostra cultura e la nostra storia, ma anche portatore di valori di pace e fratellanza, all’insegna di uno stato laico ma conscio delle proprie radici, tradizioni e valori”.

“Porre un simbolo che è al centro del nostro patrimonio civile, storico e culturale in Aula – ha dichiarato il primo firmatario dell’Odg, il consigliere Andrea Cane – è un fatto naturale, manipolato da chi ha l’abitudine di non rispettare i valori sacrificandoli alla causa di una integrazione che non viene certo negata dai principi dell’identità. Non dimentichiamoci che a Palazzo Civico il crocifisso è presente da tempo immemore, eppure le stesse minoranze che oggi gridavano alla strumentalizzazione ci convivono da sempre”.

“Dopo quasi due mesi di discussione in aula e continui rinvii, con un singolare quanto inutile ostruzionismo da parte della Sinistra e del M5s, oggi è finalmente un gran giorno per tutta la comunità piemontese e penso anche per il paese intero – ha sottolineato il consigliere Cane. “Questo pomeriggio infatti non è solo stato votato a larga maggioranza un Ordine del Giorno a favore del Crocifisso, che ha di fatto sconfessato le parole del Ministro Fioramonti, ma è stato anche dato un segnale morale e sociale a tutta la politica e alla cittadinanza: dopo quasi 50 anni l’aula del Consiglio regionale avrà infatti presto affisso un crocifisso. E’ una grande soddisfazione – ha concluso il consigliere Cane – come lo è stato il fatto che dalla presentazione di questo Ordine del Giorno in Regione anche tanti Comuni hanno votato favorevolmente all’affissione di un crocifisso nelle proprie aule, e a fronte di ciò ringrazio tutti i rappresentanti degli Enti locali della Lega e del centrodestra in generale. Colgo l’occasione per apprezzare il voto positivo di Silvio Magliano, esponente di opposizione dei Moderati, e anche gli amici del Popolo della Famiglia, che pur non avendo eletti in Regione hanno condiviso con me fin dai primi attimi questa battaglia, conclusasi con successo dopo troppo tempo: ma in fondo, pensandoci meglio, è anche vero che sotto il Santo Natale l’aver evidenziato l’importanza che porta da circa 2000 anni l’uomo raffigurato sulla Croce ha decisamente un valore ancora più speciale”- conclude Andrea Cane.

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img