RIVAROLO CANAVESE – Prosegue l’iniziativa denominata “Pomo Dono”, giunta quest’anno alla quarta edizione, partita dal Rotaract Club Cuorgnè e Canavese, che coinvolge nel progetto anche la Caritas Rivarolo, l’Associazione il Buon Samaritano Onlus, l’IIS Aldo Moro e gli Alpini.

Il progetto era partito con la raccolta dell’invenduto al mercato del sabato a Rivarolo Canavese, ma, con l’andar del tempo, si è esteso anche a donazioni “extra invenduto”, proprio per il valore dell’iniziativa e il crederci fermamente.

I prodotti raccolti dai volontari e studenti, vengono dati alla Caritas e al Buon Samaritano che il sabato pomeriggio si occupano di selezionarli per poi metterli a disposizione di chi è in difficoltà, dal lunedì.

L’anno scorso la raccolta ha avuto un gran successo: dal 20 ottobre al 29 giugno (34 giorni di raccolta) sono stati raccolti 2.940 chilogrammi, con una media di 86,5 chilogrammi alla settimana. Valore più importante è il numero di persone aiutate: ben mille.

Un’iniziativa che punta, come obiettivo, ad aumentare la raccolta di prodotti e il numero di persone aiutate.

Questa mattina i volontari, dopo una breve presentazione, alla presenza del Sindaco Alberto Rostagno e dei Consiglieri Sara Servalli e Roberto Genisio, e dopo un brindisi inaugurale, sono partiti per la prima raccolta del 2019.

“Ringrazio per questa importante iniziativa – ha dichiarato il Sindaco Alberto Rostagno – è bello che nasca dalla collaborazione di tutti. Continuate così che l’obiettivo di crescere e aumentare è dietro l’angolo, sperando però che in futuro ci sia un miglioramento economico e sociale delle famiglie.”
“Un bellissimo esempio di cooperazione – ha aggiunto il Consigliere Sara Servalli – soprattutto perchè incentiva i giovani e gli studenti a collaborare.”

Presente anche il Sindaco di Salassa, nonché Presidente del Rotaract (e da poco vice Portavoce dei Sindaci in Città Metropolitana), Roberta Bianchetta, che ha sottolineato quanto questa iniziativa “faccia bene non solo alle persone che ricevono, ma anche ai volontari che si impegnano, superando tutte le difficoltà del caso, per portare avanti questo gesto di solidarietà.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here