martedì 22 Settembre 2020

GROS-PIETRO “LA CRISI DEL 1929 NON SI RIPETERÀ, SAPREMMO FERMARLA”

SPECIALE ELEZIONI

L'affluenza, gli aggiornamenti in tempo reale dei risultati, le curiosità e tutto ciò che riguarda le elezioni.

TORINO – A 90 anni esatti dall’inizio della grande crisi economica del 1929, che prese avvio il 29 ottobre con il tristemente celebre ‘Black Tuesday’ di Wall Street, si moltiplicano i campanelli di allarme. Nel 2019 potrebbe quindi ripetersi uno scenario del genere? “No, e per due motivi”. Risponde così, con sicurezza, in un’intervista esclusiva all’ITALPRESS, Gian Maria Gros-Pietro, presidente di Intesa Sanpaolo, la prima banca del Paese che da sola gestisce circa mille miliardi di risparmio finanziario degli italiani.
“Il primo motivo è molto ampio, e parte dalla considerazione che nel 1929, quando la crisi scoppiò, era un qualcosa di non noto. Era un virus nuovo – spiega Gros-Pietro -. Adesso invece sappiamo come funziona quel tipo di crisi. Ne abbiamo avuta una non troppo dissimile nel 2008, anche in quel caso si trattava di una crisi sistemica, partita dagli Stati Uniti e legata a bolle di vario tipo. Nel frattempo, abbiamo messo a punto strumenti per affrontare questo tipo di eventi, abbiamo avuto modo di misurarne l’effetto e di vederne i limiti”. “Il secondo motivo che mi spinge a dire che una crisi come quella del 1929 non si ripeterà è che per uscire da situazioni di questo tipo occorre una domanda esogena. Roosevelt ci provò con il ‘new deal’, che generò però una domanda non sufficientemente elevata per poter uscire rapidamente da quella crisi. Per fare un esempio, la produzione di automobili negli Stati Uniti tornò ai livelli pre-crisi solo nel 1942. Oggi abbiamo invece di fronte una domanda esogena che è il cambiamento climatico”.
“L’economia circolare è sicuramente uno dei modi per frenare, o
addirittura vincere il cambiamento climatico. Ma serve anche un cambiamento di tutte tecnologie per la produzione di energia, per la produzione dei beni fisici e, al tempo stesso, per ridurre l’esigenza di beni fisici attraverso l’intelligenza artificiale. Tutto ciò richiede investimenti enormi – spiega ancora il presidente di Intesa Sanpaolo -: bisogna inventare nuove tecnologie e, una volta messe a punto, sostituire tutti gli impianti e le reti di distribuzione e di accumulo se parliamo di energia. Ma soprattutto le reti di recupero, sia dell’energia che delle materie. Questo è un volume di investimenti immenso, per il quale dobbiamo attrezzarci. La domanda potenziale c’è, ed è ineludibile. Occorre dirigere le risorse in quella direzione”.
(ITALPRESS).
regioneaprile
cortinamaggio2cortinalocandmaggio2Original Marinescofer1NuovaLocandinaPaonessa
- Advertisement -

Leggi anche..

Europa League: il Milan parte bene, Shamrock Rovers battuto 2-0

DUBLINO (IRLANDA)  - Al Tallaght Stadium di Dublino riparte la stagione del Milan di Stefano Pioli che vince per 2-0 contro lo Shamrock Rovers...

Aifa “Alta copertura per i vaccini antinfluenzali, 17 milioni di dosi”

ROMA  - "Con oltre 17 milioni di dosi disponibili, la copertura vaccinale contro l'influenza risponde ampiamente al fabbisogno della popolazione italiana, rispettando le nuove...

Cdp, Palermo “Progetto per il Grande Curi può diventare realtà”

PERUGIA - "Siamo convinti che il progetto possa andare avanti con successo". Così l'Ad di Cassa Depositi e Prestiti, Fabrizio Palermo, parlando dello stadio...

Kwiatkowski vince la 18^ tappa del Tour, Roglic resta in maglia gialla

LA ROCHE-SUR-FORON (FRANCIA) - Michal Kwiatkowski ha vinto al fotofinish la diciottesima tappa del Tour de France 2020 da Meribel a La Roche-sur-Foron, ultima...

Recovery fund, Conte “Non verrà sprecato un solo euro”

ROMA  - "Ci possiamo ritenere appagati tutti solo quando i soldi verranno spesi, non verrà sprecato un solo euro per il bene del paese....

Ultime News

TORINO – Appendino condannata a 6 mesi: “Continuo nella mia carica di Sindaco; mi autosospendo dal M5s

TORINO - “Questa sentenza non pregiudica la possibilità di rimanere in carica e, quindi, porterò regolarmente a scadenza il mio mandato,...

RIVAROLO CANAVESE – La città piange la scomparsa del Professor Marco Papotti

RIVAROLO CANAVESE – Città sconvolta per l'improvvisa scomparsa di Marco Papotti. Papotti è deceduto oggi, lunedì 21 settembre....

SAN GIUSTO CANAVESE – Con oltre il 60% raggiunto il quorum, Giosi Boggio Sindaco

SAN GIUSTO CANAVESE – Alle 15, con la chiusura dei seggi, San Giusto ha raggiunto (a dati non definitivi) il 66,24%...

ELEZIONI – L’affluenza a chiusura dei seggi; scrutini referendum

ELEZIONI – Alle 15 di oggi, lunedì 21 settembre si sono chiusi i seggi per il il referendum costituzionale  in materia...

RIVAROLO CANAVESE – Il Sindaco Rostagno scrive all’Amministratore Delegato GTT, Giovanni Foti

RIVAROLO CANAVESE – Il Sindaco Alberto Rostagno ha scritto una lettera aperta, indirizzata all'Amministratore Delegato Gtt Giovanni Foti e al Presidente...
X