martedì 22 Settembre 2020

TORINO – Tenta di uccidere la compagna; già arrestato per aver già ucciso la ex (FOTO E VIDEO)

La donna ha riportato ferite al volto procuratole con una bottiglia rotta; fortunatamente aveva la sciarpa: lui voleva tagliarle la gola

SPECIALE ELEZIONI

L'affluenza, gli aggiornamenti in tempo reale dei risultati, le curiosità e tutto ciò che riguarda le elezioni.

TORINO – Questa notte, il personale del Commissariato Barriera Milano, transitando in Corso Giulio Cesare ha notato alcuni passanti che invocavano aiuto.

Gli agenti hanno subito visto una donna gravemente ferita al volto che, tuttavia, è riuscita ad indicare nel suo attuale compagno l’aggressore: S.M. cittadino tunisino di 36 anni. A poca distanza i poliziotti hanno notato l’uomo per terra sporco di sangue, in via Verres angolo via Leinì.

coferlungonuovoBannerPaonessa

Gli agenti hanno appreso che, poco prima, i due stavano tornando in autobus a casa della donna. Durante il tragitto, la vittima ha manifestato l’intenzione di interrompere la relazione, avendo scoperto che il suo compagno era attualmente detenuto in carcere per un precedente omicidio. Di qui è scaturita l’aggressione, nel corso della quale il trentaseienne ha tentato più volte di arrivare al collo della compagna, procurandole gravi ferite al volto, con una bottiglia di vetro. La sciarpa indossata dalla donna probabilmente ha scongiurato il peggio.

A seguito, di accertamenti, è emerso che il reo era detenuto presso la casa circondariale “Lo Russo e Cutugno” con permesso di assentarsi per motivi lavorativi. In particolare, l’uomo svolgeva attività lavorativa presso un Bistrò a Grugliasco, con obbligo di far rientro presso il carcere entro le 2 di notte. Il cittadino tunisino, infatti, era stato condannato per l’omicidio, avvenuto a Bergamo nel giugno del 2008, della sua ex.

Il trentaseienne, arrestato per tentato omicidio, è stato trasportato in ospedale poiché nel tentativo di fuga è caduto a terra, ferendosi.

LE DICHIARAZIONI DEL SIAP

“L’intervento delle volanti del Commissariato Barriera Milano e dell’UPG hanno impedito che si portasse a compimento l’ennesimo feroce femminicidio” – commenta Pietro DI LORENZO, Segretario Generale Provinciale del SIAP, sindacato maggiormente rappresentativo della Polizia di Stato – “Siamo grati a qui colleghi che questa notte hanno salvato la vita alla giovane donna quasi sgozzata dal fidanzato, detenuto alle Vallette ma in circolazione grazie ai permessi per lavorare”.

“ Quello del femminicidio è un enorme gravissimo problema che deve essere affrontato a 360° gradi non solo tramite strumenti adeguati di perseguimento del reato ma anche, e soprattutto, attraverso grandi investimenti per l’educazione e rieducazione culturale delle vaste parti della società che hanno perso i principi fondamentali della convivenza civile e del rispetto verso l’altro, soprattutto se parliamo di bambini, donne ed anziani.”

“Nell’esprimere solidarietà alla vittima invitiamo tutti a riflettere, ancora una volta, sull’esigenza di rivedere gli strumenti normativi che permettono, come in questo caso, la possibilità di recarsi fuori dal carcere essendo già stato condannato nel 2008 per l’omicidio della fidanzata”

LE DICHIARAZIONI DEL SIULP

“È incredibile constatare come un assassino, dopo pochi anni, possa ritornare in libertà e agire nuovamente secondo la sua indole di criminale”. Così Eugenio Bravo, segretario generale del Siulp di Torino,sul caso dell’uomo che, in permesso lavoro dal carcere, ha cercato di sgozzare la fidanzata in strada a Torino. “Sicuramente assisteremo a frasi sconvolte,a stati d’animo perturbati, a dichiarazioni di rabbia da parte di tutti -aggiunge Bravo -È inconcepibile che ancora oggi questo Paese è assolutamente immobile in merito alla certezza della pena. Grazie alle leggi premiali o alle attenuanti, il criminale resta in carcere meno della metà della pena e, ai cittadini, resta la mera indignazione. Occorre mettere mano subito alla legge penale e rivedere tutte quelle misure o condizioni che agevolano i delinquenti che hanno commesso reati, soprattutto gravi. Uno Stato di diritto deve salvaguardare innanzitutto la credibilità delle leggi che equivale al rispetto delle vittime; i carnefici devono restare in carcere”.

regioneaprile
cortinalocandmaggio2NuovaLocandinaPaonessacortinamaggio2Original Marinescofer1
- Advertisement -

Leggi anche..

TORINO – Appendino condannata a 6 mesi: “Continuo nella mia carica di Sindaco; mi autosospendo dal M5s

TORINO - “Questa sentenza non pregiudica la possibilità di rimanere in carica e, quindi, porterò regolarmente a scadenza il mio mandato,...

TORINO – Incendio in un condominio di via Bricca; evacuate una quindicina di persone

TORINO - I Vigili del Fuoco del comando di Torino sono intervenuti oggi pomeriggio, domenica 20 settembre, in via Bricca 33...

TORINO – Dipendente perseguitata da oltre un anno, arrestato il titolare dell’azienda

TORINO - Mercoledì pomeriggio, gli agenti del commissariato Centro hanno proceduto all’esecuzione della misura degli arresti domiciliari per atti persecutori e...

TORINO – Arresti per violenza sulle donne a Chieri e Nichelino; estorsione a pensionati

TORINO - I carabinieri del comando provinciale di Torino hanno arrestato 2 uomini per maltrattamenti in famiglia e un pusher per...

TORINO – Arrestato 35enne: nello stomaco in centinaio di ovuli di cocaina ed eroina

TORINO - Viaggiava a bordo di un autobus, partito dalla Francia e diretto a Venezia, il trentacinquenne arrestato dalla Guardia di...

Ultime News

TORINO – Appendino condannata a 6 mesi: “Continuo nella mia carica di Sindaco; mi autosospendo dal M5s

TORINO - “Questa sentenza non pregiudica la possibilità di rimanere in carica e, quindi, porterò regolarmente a scadenza il mio mandato,...

RIVAROLO CANAVESE – La città piange la scomparsa del Professor Marco Papotti

RIVAROLO CANAVESE – Città sconvolta per l'improvvisa scomparsa di Marco Papotti. Papotti è deceduto oggi, lunedì 21 settembre....

SAN GIUSTO CANAVESE – Con oltre il 60% raggiunto il quorum, Giosi Boggio Sindaco

SAN GIUSTO CANAVESE – Alle 15, con la chiusura dei seggi, San Giusto ha raggiunto (a dati non definitivi) il 66,24%...

ELEZIONI – L’affluenza a chiusura dei seggi; scrutini referendum

ELEZIONI – Alle 15 di oggi, lunedì 21 settembre si sono chiusi i seggi per il il referendum costituzionale  in materia...

RIVAROLO CANAVESE – Il Sindaco Rostagno scrive all’Amministratore Delegato GTT, Giovanni Foti

RIVAROLO CANAVESE – Il Sindaco Alberto Rostagno ha scritto una lettera aperta, indirizzata all'Amministratore Delegato Gtt Giovanni Foti e al Presidente...
X