CASELLE TORINESE – Venerdì 11 ottobre è stato intitolato il palatenda.

Il Comune di Caselle ha scelto Teresa Noce, una delle madri costituenti che ha saputo interpretare i diritti delle donne, madri e lavoratrici. Alla cerimonia hanno partecipato i rappresentanti di diverse associazioni casellesi. In particolare l’Anpi, guidata da Giusy Chieregatti. Inoltre non sono mancati il parroco don Claudio Giai Gischia, quale collante della comunità; il comandante della locale stazione dei carabinieri Fabio Fornaiolo. Purtroppo non ha potuto presenziare Loredana Bagnato, presidente della commissione pari opportunità, che si è fatta rappresentare nel corso della serata. Nicoletta Soave, ultima staffetta partigiana, è invece stata un’ospite d’onore.

Il primo importante momento è stata la scopertura dell’opera realizzata da Piero Ferroglia e intitolata “Soffio di Libertà”. Ha dichiarato l’assessore Angela Grimaldi: “ Il palatenda è un luogo d’aggregazione importante, utilizzato intensamente dalle nostre realtà aggregative. Dopo alcuni rinvii, dovuti al maltempo, siamo qui a intitolare questa struttura a una madre costituente”.

Quindi la parola è passata a una rappresentante della commissione pari opportunità che ha parlato di Teresa Noce come una figura che si è battuta per i diritti femminili. Dopodichè ha preso la parola Giusy Chieregatti: “ Intendo commemorare Anna Viboda, la prima donna caduta nella lotta partigiana”. L’appuntamento è terminato con la scopertura della targa apposta all’esterno dell’edificio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here