TORINO – Gli sarebbe certamente convenuto pagare la confezione di muffin ed uscire dal supermercato come ogni cliente; invece il ventitreenne di origini ivoriane, già noto alle forze dell’ordine per fatti analoghi, giovedì mattina si è messo in tasca 2 merendine, dopo aver rotto la confezione che le custodiva, e si è avviato verso l’uscita senza acquisti, oltrepassandola.

Il furto è però stato notato dall’addetto alla vigilanza del supermercato, che lo ha fermato, contestandogli il fatto. Il vigilante gli ha chiesto poi di seguirlo in un luogo più appartato, vicino ai bagni della struttura. Il ladro di merendine, intuendo che ben presto sarebbe arrivata la Polizia, con mossa fulminea è entrato in un antibagno e, spostato un pannello della controsoffittatura, si è introdotto nell’angusto spazio sotto il tetto, provando a fuggire.

Da lì a poco però il controsoffitto, inadatto a reggere il peso di un uomo, è crollato interamente, interessando sia un bagno che una piccola stanza in cui sono dislocate le centrali elettriche e di videosorveglianza dell’esercizio commerciale. Il ladro, caduto a terra, è stato ritrovato completamente ricoperto dalle macerie, ferito anche dai vetri della plafoniere dell’illuminazione presenti. Soccorso e trasportato in ospedale, non in gravi condizioni, è stato arrestato per furto aggravato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here