BELMONTE – Una bellissima idea nata dalla collaborazione tra l’Ente Parco dei Sacri Monti e la Scuola di Intaglio e Scultura del Legno “Can Art” si è tenuta oggi, domenica 1 settembre, al “Campass” di Belmonte.

Una sessione all’aperto sulle tecniche di intaglio del legno che ha attirato grandi e bambini. Tra il pubblico anche il Sindaco di Cuorgnè Beppe Pezzetto, che dichiara: “Bellissima iniziativa e bellissima idea quella di ridare forma a pezzi di bosco recentemente bruciati dalla stupidità dell’uomo; chissà non possano nascere ulteriori interessanti iniziative anche in altri luoghi” ed in effetti in molti hanno apprezzato questa intelligente trasformazione di ciò che le fiamme hanno distrutto, arte a cielo aperto che può fungere anche da attrazione per un turismo che ama la natura e passeggiare tra i boschi.”

L’iniziativa dell’ente Parco Sacri Monti non ha riguardato solo l’intaglio, ma anche gli alpini. Il ritrovo era per questa mattina alle 8.15 nel Piazzale di Belmonte. Tanti i gagliardetti presenti delle diverse sezioni ANA canavesane. Molte le penne nere e molti gli amici degli Alpini presenti alla ricorrenza del ricordo dei Caduti nella Campagna di Russia. Il corteo, accompagnato dalla Fanfara, si è recato al monumento delle Penne Mozze Canavesane, miracolosamente salvato dalle fiamme che hanno circondato alcuni mesi fa le colline sottostanti il Santuario.

Una sentita celebrazione Eucaristica officiata da don Gianluca Capello, è stata seguita dall’alzabandiera con l’Inno d’Italia cantato da tutti i presenti. A fine celebrazione dopo i saluti dei vertici dell’ANA (cui ricorrono i 100 anni dalla fondazione) il corteo è rientrato accompagnato dalle note della fanfara. Una bella e sentita commemorazione, come sono sempre quelle degli Alpini.

 Alle 17 la Santa Messa è stata animata dal Coro ANA – Gruppo San Maurizio Canavese, diretto dal Maestro Andrea Sibona, a cui è seguito un concerto dello stesso Coro aperto a tutti.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here