IVREA – Infermieri costretti a lavorare 16 ore consecutive. E arriva la protesta del Sindacato Nursind che segnala la situazione alla Regione Piemonte e all’Ispettorato del Lavoro.

Ecco la nota giunta ai media:

“Una Azienda dove i problemi si moltiplicano di giorno in giorno e di ora in ora. Una amministrazione incapace di gestire e di intervenire sulle criticità che ogni giorno i presidi di questa azienda presentano. Non sappiamo ancora se chi gestisce questa azienda non è in grado di risolvere i problemi oppure se non è in grado neanche di organizzarsi per venirne a conoscenza. Il fatto che questa azienda sia territorialmente vasta non significa che debba prevalere anarchia e confusione. La sensazione che sia tutto fuori controllo e che chi ha ruoli apicali non è più in grado di gestire le criticità e proprio per questo diventano sempre più importanti.”

E prosegue: “Oltre alle mancate assunzioni che non sono state fatte nonostante una graduatoria aperta e senza parlare del disavanzo di 48milioni oltre che della superficialità con la quale è stato gestita l’ondata di caldo, sono molteplici e alquanto gravi le situazioni che ad oggi non vengono affrontate.

Sono diverse le situazioni dove gli infermieri si trovano a turnare sotto i contigenti minimi previsti in caso di sciopero, sotto i quali è pericoloso e rischioso andare sia per gli operatori ma soprattutto per gli utenti.

Alcuni colleghi ci riferiscono di lavorare anche per 16 ore consecutive e per questo motivo ci rivolgeremo immediatamente all’ispettorato del lavoro perché non si può speculare sulla pelle di chi lavora e di conseguenza di chi l’assistenza deve riceverla.

Le malattie lunghe non vengono sostituite e il rischio che in alcuni reparti le ferie saltino inizia a diventare concreto.

Alcuni turni vengono coperti attraverso le pronte disponibilità dei trasporti, lasciando colpevolmente scoperto il servizio.”

“Il servizio dei trasporti pediatrici non è stato affrontato e ancora una volta si mettono gli operatori in condizioni di rischio ma soprattutto in questo caso i piccoli pazienti.

Per concludere, non sappiamo ancora come sia stato gestito il fondo messo a disposizione per il pagamento dei gettoni dovute alle assenze improvvise. Un fondo che doveva servire a remunerare gli infermieri che coprivano i turni per le assenze dell’ultimo minuto.

Potremmo continuare con un lungo elenco.

Questa azienda – conclude Nursind – non può permettersi di continuare così ed è per questo che il Nursind ha scritto anche alla Regione e al neo assessore alla Sanità Icardi. Ci aspettiamo risposte, senza le quali continueremo senza sosta la nostra battaglia dentro le sedi competenti ma anche fuori.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here