domenica 25 Ottobre 2020

Riti Vodoo e prostituzione, blitz Gdf  

Blitz della Guardia di Finanza a Palermi. I finanzieri del Gico del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo hanno fermato quattro persone, accusate di appartenere ad un’associazione per delinquere transnazionale dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, alla tratta di esseri umani e allo sfruttamento della prostituzione di giovani donne provenienti dalla Nigeria. Le operazioni di polizia giudiziaria si sono svolte fra Palermo, Napoli, Dervio), Bergamo, concludendosi nella nottata con l’individuazione e la cattura del capo dell’organizzazione – già rifugiato politico – presso l’aeroporto di Orio al Serio (Bergamo). 

L’indagine delle Fiamme Gialle, coordinata dalla Dda palermitana, ha “consentito di smantellare una organizzazione criminale, operante tra la Nigeria, la Libia e l’Italia, che ha costretto giovani donne nigeriane – a fronte della promessa di opportunità lavorative nel nostro Paese – ad assumersi un debito di 30 mila euro, quale pagamento del viaggio verso l’Italia e per l’avviamento al lavoro”. 

Approfittando del loro evidente stato di vulnerabilità psicologica, le giovani nigeriane erano sottoposte alla celebrazione di macabri riti ”Vodoo” posti a garanzia del debito ‘contratto’. “E per rendere l’assoggettamento delle vittime ancora più simbolico e potente, i rituali magici – eseguiti anche nel continente africano presso ”santuari e/o templi” (i cosiddetti ”shrines”) – avevano ad oggetto il sacrificio di animali, il prelievo di unghie, capelli e biancheria intima delle vittime”, dicono gli inquirenti. 

Le donne venivano, poi, trasferite in Libia, dove erano costrette a permanere presso strutture di detenzione nella disponibilità dell’associazione criminale, per essere definitivamente imbarcate alla volta dell’Italia. Giunte nella Penisola, quindi, e accompagnate nei centri di prima accoglienza in Sicilia, venivano successivamente avviate alla prostituzione, con l’obbligo di riscattare progressivamente la somma concordata per riottenere la libertà ed evitare conseguenze lesive per loro e i propri familiari in Nigeria. 

Secondo gli inquirenti a capo dell’organizzazione criminale c’era una donna “crudele”. Le indagini complessivamente svolte, sotto la costante direzione della Dda di Palermo, hanno consentito di “accertare come i fermati concorressero, sinergicamente e in piena condivisione d’intenti, nel reclutamento delle giovani ragazze in Nigeria, nella loro ”traduzione”, attraverso il Nord Africa, sino alle spiagge libiche dove, con l’utilizzo dei consolidati canali di migrazione illegale, venivano condotte in Italia e consegnate al capo dell’associazione (una donna nigeriana, T.E. di 35 anni, residente a Palermo)”. 

Su questo territorio, la ”maman” provvedeva ad avviarle forzatamente alla prostituzione, spesso con minacce di morte e percosse, grazie al fattivo contributo di due sodali residenti in Campania e Lombardia, G.P. di anni 26 e G.S. di anni 29. La ”maman” si avvaleva, inoltre, del contributo di un cittadino italiano, G.M. di 78 anno, il quale – con la propria autovettura – si adoperava per la collocazione delle vittime destinate allo sfruttamento presso i luoghi di prostituzione del capoluogo siciliano, promuovendo un servizio ”dedicato” di trasporto da e verso i luoghi di sfruttamento. L’anziano fungeva anche da vedetta, segnalando alla ”responsabile” l’eventuale sopraggiungere di pattuglie delle Forze dell’Ordine. 

Le indagini “hanno anche consentito di far luce su un articolato e lucroso sistema di trasferimento di denaro contante all’estero, denominato ”Euro to Euro”, utilizzato dalla compagine criminale per il trasferimento dei proventi illeciti grazie al concorso di due ulteriori cittadini nigeriani residenti a Palermo, denunciati a piede libero”. 

Original Marines
- Advertisement -

Leggi anche..

Galli: “Il non necessario a breve andrà tolto” 

"In ospedale lo sconforto, nel personale, è tangibile. Il reparto, almeno da noi, somiglia già molto a quello dello scorso marzo". Lo dice Massimo...

Locatelli: “Non rivivremo il lockdown, Paese è preparato” 

"I numeri italiani non possono che essere guardati con una certa preoccupazione, per quanto la nostra situazione sia favorevole rispetto a quella di altri...

Covid, Crisanti: “Misure restrittive con 7/8 mila casi al giorno”

"Se si arriva ai 7mila-8mila casi al giorno bisognerebbe prendere dei provvedimenti restrittivi". Lo dice Andrea Crisanti, virologo dell'Università di Padova, parlando degli ultimi...

Covid, Zaia: “In Veneto non c’è più emergenza”

"In Veneto ora non c'è più emergenza sanitaria. Abbiamo 28 persone in terapia intensiva, contro le centinaia di prima. Solo l'1,8 per cento dei...

Covid, Russia sfiora 8mila contagi in 24 ore  

La Russia sfiora gli 8mila contagi e i cento morti per l'epidemia di coronavirus nelle ultime 24 ore. L'ultimo bollettino delle autorità sanitarie registra...

Ultime News

TORINO – Dragonette: promuovere il benessere a colpi di pagaia (VIDEO)

TORINO - A Torino dal 2010 le Dragonette, le donne in rosa del dragon-boating, associazione fondata da donne operate di tumore...

CORONAVIRUS – Firmato il nuovo DPCM: chiusura dei locali alle 18

CORONAVIRUS – Non ha ascoltato completamente le Regioni il Premier Giuseppe Conte che nella notte ha firmato il nuovo DPCM che...

L’AMORE UNIVERSALE

Voglio ispirarmi all'Enciclica "Fratelli tutti" di Papa Francesco. Non riporto qui  l'intero documento disponibile però sul sito www.vatican.va.Ma qualche considerazione vorrei...

CASTELLAMONTE – Auto in fiamme in via XXV Aprile (FOTO)

CASTELLAMONTE – Intervento nella notte, dei Vigili del Fuoco di Castellamonte e Ivrea, in via XXV Aprile a Castellamonte.

VOLPIANO – Sequestrati due fucili e diverse munizioni: un arresto e una denuncia

VOLPIANO - Sequestrati due fucili e munizioni, nell'ambito di specifici servizi di disposti dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Torino; arrestata...
X