mercoledì 21 Aprile 2021

VENARIA REALE – Approvazione variazioni di bilancio: manca il numero legale

Ad essere dissidenti, quattro consiglieri della maggioranza

VENARIA REALE – È mancato il numero legale, ieri sera in consiglio. Il Presidente del Consiglio Andrea Accorsi, e i Consiglieri Rosa Antico, Luca Stasi e Giovanni Battafarano non si sono presentati.

“Oggi è mancato il numero legale per approvare due variazioni di bilancio molto importanti. – Afferma il Sindaco Roberto Falcone – La maggioranza è mancata grazie a 4 consiglieri del Movimento 5 stelle, che non si sono presentati in Consiglio senza nemmeno avvertire. Questo è un comportamento indegno per un eletto del Movimento 5 stelle. Essendo un atteggiamento reiterato, da vecchia politica, nelle prossime ore gestiremo la loro esclusione dal gruppo di maggioranza.”

“Ma prima vi elenco ciò che resterà fermo per colpa di questo comportamento irresponsabile – ha proseguito Falcone – rifacimento campo Don Mosso: questo vuol dire che il Venaria Calcio non potrà accedere alla proroga per l’utilizzo del campo e la prossima stagione oltre 400 ragazzi di Venaria giocheranno altrove. Rifacimento copertura scuola Gallo Praile: in questa scuola, inaugurata nel 2011, per chi non lo sapesse piove dentro; riqualificazione area San Francesco: è fermo la realizzazione di un nuovo impianto sportivo che avrebbe creato nuovi spazi per associazioni e ragazzi che praticano gli sport minori. Giochi bimbi: Non potremo fare tutte le manutenzioni urgenti delle aree gioco che avevamo previsto. Piste ciclabili: collegamento da Venaria a Lanzo e nuova ciclabile su corso Machiavelli. Sgravi fiscali: per le attività commerciali coinvolte dal cantiere del Movicentro. Piscina: manutenzione straordinaria dell’impianto di via Di Vittorio. Bilancio partecipativo 2018 e 2019: si fermerà la realizzazione dei progetti vincitori l’anno scorso e non vengono stanziati i 210mila per i progetti che verranno approvati quest’anno.”


E conclude: “Ho valutato attentamente se rassegnare le dimissioni, ma la Città ha bisogno che siano adeguatamente presidiate le attività in corso, tra le quali: il parcheggio dell’ospedale, lo spostamento del mercato di viale Buridani, la riapertura della Romero, il ripristino della ZTL e ampliamento e manutenzione dei cimiteri. Per questi motivi escludo categoricamente di consegnare Venaria Reale a un commissario per i prossimi 10 mesi”.

Leggi anche...

spot_img