CERESOLE REALE – Febbre da “giro” oggi, venerdì 24 maggio, in Canavese. Tutto è filato liscio, per una tappa, quella a Ceresole Reale, tanto attesa, e, allo stesso tempo, criticata. Strade chiuse per qualche ora in diversi comuni, ma la voglia di “divertimento in rosa” ha reso i disagi meno pesanti.

Ilnur Zakarin (Team Katusha-Alpecin) ha conquistato un successo in solitaria a Ceresole Reale nel Parco Nazionale Gran Paradiso. Il russo che faceva parte della fuga di giornata ha attaccato a 5 km dalla fine per poi staccare Mikel Nieve (Mitchelton-Scott) ai -2. Mikel Landa (Movistar Team) ha completato il podio, dopo essere uscito con un attacco dal gruppo dei favoriti sull’ultima salita. Primoz Roglic (Team Jumbo-Visma) è arrivato insieme a Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida) a 2’57” ed è rimasto secondo in Classifica Generale, dietro a Jan Polanc (UAE Team Emirates) che ha difeso la Maglia Rosa, mentre Zakarin è adesso terzo. Simon Yates (Mitchelton – Scott) ha chiuso a 5′ dal vincitore.

RISULTATO FINALE

1 – Ilnur Zakarin (Team Katusha Alpecin) – 196 km in 5h34’40””, media 35,139km/h km/h;
2 – Mikel Nieve Iturralde (Mitchelton – Scott) a 35″;
3 – Mikel Landa Meana (Movistar Team) a 1’20”

MAGLIE

Maglia Rosa, leader della classifica generale – Jan Polanc (UAE Team Emirates)
Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti – Arnaud Demare (Groupama – FDJ)
Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna – Giulio Ciccone (Trek – Segafredo)
Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani – Pavel Sivakov (Team INEOS)

CLASSIFICA GENERALE

1 – Jan Polanc (UAE Team Emirates);
2 – Primoz Roglic (Team Jumbo – Visma) a 2’25”;
3 – Ilnur Zakarin (Team Katusha Alpecin) a 2’56”;
4 – Bauke Mollema (Trek – Segafredo) a 3’06”;
5 – Vincenzo Nibali (Bahrain – Merida) a 4’09”;
6 – Richard Carapaz (Movistar Team) a 4’22”;
7 – Rafal Majka (Bora – Hansgrohe) a 4’28”;
8 – Mikel Landa Meana (Movistar Team) a 5’08”;
9 – Pavel Sivakov (Team INEOS) a 7’13”;
10 – Miguel Angel Lopez (Astana Pro Team) a 7’48”

Il vincitore di tappa Ilnur Zakarin ha dichiarato: “Non avevo un piano preciso per provare a vincere questa tappa. Sono andato in fuga con l’obiettivo di recuperare un po’ di tempo per la Classifica Generale. Questo successo è un po’ una sorpresa. Ho affrontato l’ultima salita con tutta l’energia che mi era rimasta. Sono contento della mia prova e di aver conquistato questa frazione. Roglic va davvero forte; per me è il favorito numero uno. Comunque proverò nei prossimi giorni a prendere la Maglia”.

La Maglia Rosa Jan Polanc ha dichiarato: “Sapevo che non sarei stato in grado di tenere le ruote dei migliori fino al traguardo. Mi aspettavo una tappa difficile ma non così dura come si è poi rivelata. Sono felice di essere riuscito a mantenere il comando della Generale per un altro giorno. Non credo che potrò tenere la Maglia Rosa fino a Verona ma vedremo giorno dopo giorno. Già domani ci aspetta una tappa senza un metro di pianura”.

Il secondo appuntamento in Canavese, è atteso per domenica 26 maggio, per la partenza da Ivrea.

SCORRERE PER GUARDARE LE FOTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here