mercoledì 21 Aprile 2021

BORGARO TORINESE – Ultimo Consiglio Comunale con siparietto

Ponchione ha “donato” le scarpe utilizzate per girare la città

BORGARO TORINESE – Nella serata del 30 aprile è andato in scena l’ultimo atto del quinquennio di amministrazione Borgarese di Claudio Gambino, Sindaco di Borgaro Torinese. Un solo punto all’ordine del giorno l’approvazione del rendiconto di gestione del 2018.

Gianluigi Casotti assessore al Bilancio ha illustrato il punto in questione nei dettagli accurati. Dopo i chiarimenti delle opposizioni il rendiconto è stato votato e reso immediatamente eseguibile. In chiusura tempo di saluti da parte di tutti i consiglieri comunali uscenti.

Momento toccante l’intervento della Presidente del Consiglio Maria Mainini che con qualche lacrima ha esordito: “Questa sera per me è un momento importante dopo cinque anni di mia permanenza qui in consiglio comunale si chiude il mio mandato da Presidente del Consiglio. È stato un onore per me aver ricoperto questo importante incarico e sono altresì orgogliosa di essere stata la prima presidente donna della storia del consiglio comunale Borgarese. Un ricordo affettuoso lo devo a Vincenzo Barrea nostro compianto consigliere comunale. Mi mancano i suoi occhi e la sicurezza che dava a noi tutti. Un grazie a chi con i suoi voti mi ha permesso di entrare in questo consiglio. Non mi ricandiderò più alle prossime elezioni e auguro a tutti un sereno proseguo di vita amministrativa”.

Giuseppe Ponchione, capogruppo di maggioranza, ha voluto salutare tutti presenti e annunciare ufficialmente che anche lui non si ricandiderà più per il prossimo mandato. “Con questa sera si chiude un’importante fetta della mia esistenza. Per 10 anni ho fatto parte di questo consiglio comunale come capogruppo e di questo ringrazio tutti coloro che hanno condiviso con me questo importante ruolo istituzionale. Sono stati anni duri dove le note vicissitudine legali di cui sono stato messo in mezzo mi hanno segnato e non poco. Saluto cordialmente tutti voi e maggiormente i gruppi di minoranza e il gruppo Latella, per questi anni passati insieme. Questa sera visto che in più occasioni mi era stato detto che con il mio rimborso da consigliere avrei comprato paia di scarpe per svolgere il mio mandato. Beh caro avvocato, questa sera vorrei donare a lei questo paio di scarpe che in questi anni mi sono servite per girare la nostra città in lungo e in largo per vedere cosa ci fosse da fare. Grazie a tutti e buon proseguo di vita“.

In chiusura Marco Guerino Latella capogruppo del Gruppo omonimo ha chiesto ed ottenuto che il segretario comunale mettesse a verbale che il paio di scarpe venisse donato a qualche cittadino bisognoso. Il sorriso beffardo del consigliere Latella lascia presagire che la loro querelle non terminerà con la fine di questo mandato.

Leggi anche...

spot_img