BORGARO TORINESE – Si è chiuso nel giorno di Pasquetta la quarantesima edizione del torneo under 17 Maggioni – Righi vero importante appuntamento per il calcio piemontese e per la società Borgaro Nobis e del suo presidente Piergiorgio Perona.

In apertura l’assessore allo sport del comune di Borgaro ha dichiarato: “ È bello essere qui oggi con voi tutti a questo appuntamento molto importante per la nostra città. Per me oggi è il 25° anno che prendo parte a questa manifestazione prima come giocatore, poi come appassionato calcistico ed ora in veste di assessore allo sport di questo Comune. Come comune ringraziamo tutte le squadre partecipanti a questa edizione, ma un grazie particolare lo voglio dare a colui che con dedizione porta avanti questo importante torneo e vale a dire il nostro presidente Piergiorgio Perona, autentica pietra miliare di questa società. Ringrazio tutti i partecipanti e dò appuntamento alla quarantunesima edizione del 2020”.

Visibilmente commosso Pier Giorgio Perona ha commentato: “Quando quarant’anni orsono abbiamo iniziato questo torneo non prevedevamo di arrivare a tanto, avevamo detto allora “ma sì lo facciamo per qualche anno e poi con il passare del tempo tutto andrà nel dimenticatoio invece oggi siamo qui a chiudere questa quarantesima edizione. Indubbiamente i costi nel corso degli anni sono aumentati e diventa sempre più difficile organizzarlo in ambiti economici. Ma come sempre ci siamo detti che questa società non vuole trarre un guadagno da questa cosa per cui a noi basta chiudere in pari e con questo spirito che ci accingiamo a chiudere questo e partire fin da domani per organizzare la quarantunesima edizione di questa importante kermesse sportiva borgarese. Ricordo che nel 1979 alla prima edizione del Maggioni, perchè una volta si chiamava così solo in un secondo tempo, dopo la Morte di Walter Righi, è stato abbinato il secondo nome, un frugoletto di nome Giuseppe Galderisi che ha solcato i nostri terreni e poi sappiamo tutti dove è arrivato. Molti sono stati i campioni che nel corso degli anni sono passati sui nostri terreni ed oggi è bello vederli alle ribalte mondiali con le loro squadre di club. Un grazie a tutti coloro che hanno collaborato per la riuscita di questo importante avvenimento “.

In questa edizione il Goteborg ha trionfato ma ben tre compagini straniere hanno occupato i primi quattro posti della graduatoria finale lasciando ad onorare il nostro paese la compagine del Torino Calcio che solo per sfortuna non è riuscita a staccare il pass per la finalissima essendo stata sconfitta dal Goteborg in semifinale ai calci di rigore. . La classifica finale è quindi la seguente: 1° posto Göteborg, 2° posto Nordsjælland, 3° posto Dynamo Kiev, 4° posto Torino, 5° postoAtalanta, 6° posto Juventus, 7° posto Fiorentina, 8° posto Brescia, 9° posto Genoa, 10° posto Chieri, 11° postoBorgaro Nobis, 12° posto Chisola.

Nella Top 11, abbiamo: miglior n° 1 Anders Gulstorff e miglior n° 2 Jonas Lyshoj entrambi del Nordsjælland, miglior n° 3 Edoardo Bedetti del Torino, miglior n° 4 e miglior n ° 5 per la Dynamo Kiev con Ihor Huk e Anatoli Kozlenko, miglior n° 6 e miglior n° 7 Diego Larotonda e Aldo Banse entrambi del Torino, miglior n° 8 e miglior n° 9 per i giocatori del Göteborg Erik Reis e Oscar Vilhelmsson, miglior n° 10 Vladyslay Veleten della Dynamo Kiev e miglior n° 11 per Johan Tellander del Göteborg, che si aggiudica anche il premio come miglior giocatore straniero.

Ad inizio discorso il Sindaco Claudio Gambino ha voluto ricordare il compianto Sindaco Vincenzo Barrea e in quest’ottica che i familiari hanno voluto mettere in palio un premio speciale per questa edizione. Un altro premio speciale è stato messo in palio dalla Famiglia Gravina in ricordo di Francesco Gravina storico amministratore borgarese scomparso anni fa.

La Coppa Vincenzo Barrea va a Ambroz Filip in quanto giocatore più giovane del Torneo, Il Trofeo per il miglior giocatore italiano è di Christian Celesia del Torino e quello come miglior giocatore dilettante va a Ettore Tonini del Borgaro Nobis. La Coppa come miglior giocatore dell’ASD Borgaro Nobis è invece di Thomas Fimognari, mentre il riconoscimento come capocannoniere del Torneo è andato a Yevhenii Riazantsev della Dynamo Kiev.

Il Trofeo Fair Play se lo aggiudica la società del Göteborg, la Coppa per la Squadra più Disciplinatam va alla Juventus, mentre il premio al Miglior Allenatore del Torneo va Marco Sesia del Torino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here