VERONA (ITALPRESS) – Il Napoli vince 3-1 al Bentegodi, rinvia la festa scudetto della Juventus e condanna il Chievo, matematicamente in B dopo 12 anni: decidono la doppietta di Koulibaly (16′ e 81′) e il mancino di Milik al 64′. Ancelotti a -17 dai bianconeri quando mancano sei giornate alla fine, per il Chievo – fermo a 11 punti e in gol con Cesar al 90′ – è ormai irraggiungibile il quart’ultimo posto occupato al momento dal Bologna a quota 31.

In vista della sfida di Europa League contro l’Arsenal, Ancelotti non rinuncia alla formazione migliore con Insigne, Milik e Mertens nel reparto offensivo. E proprio dai piedi del belga nasce la prima occasione: al 10′ il centravanti polacco scarica per Mertens il cui tiro a rimorchio termina alto. Ma il gol e’ dietro l’angolo e il vantaggio partenopeo arriva al 14′: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Koulibaly attacca il primo palo e firma l’1-0 di testa. Al 24′ Chiriches si divora il raddoppio sull’invito di Insigne. Primo squillo clivense al 35′: facile Ospina su Barba.

Ci prova Fabian Ruiz, senza fortuna. Nella ripresa e’ sempre la formazione di Ancelotti a fare la partita e al 52′ si intravedono altri sprazzi di Mertens, autore di un tiro alto da posizione defilata dopo uno scambio con Hysaj. Al 61′ il Napoli sfiora il raddoppio: Insigne scambia con Milik e restituisce al polacco che non riesce a deviare verso la porta. Ma tre minuti dopo Milik trova il modo di finire sul tabellino dei marcatori con un gran sinistro dai venticinque metri che non lascia scampo a Sorrentino, bravo pochi minuti dopo a riscattarsi con un grande intervento sul tiro a botta sicura di Callejon. Arriva anche il tris azzurro: doppietta per Koulibaly sugli sviluppi di un corner. Nel finale c’e’ spazio per il gol della bandiera del Chievo che porta la firma di Cesar.

(ITALPRESS).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here