TORINO / CANAVESE – Mercoledì 21 marzo in sede di CAL, l’Anpci e le Province piemontesi hanno fatto mancare il numero legale per il parere al disegno di Legge sulla Montagna, stralciato della parte riguardante gli ambiti ottimali.

[su_slider source=”media: 179286,179285,” limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Ambiti ottimali con i quali, si ricorda, la Regione mira a suddividere il territorio con il conseguente accorpamento dei piccoli comuni.

Un progetto contro cui l’Anpci si è sempre fortemente opposta. Analogo destino ha avuto la riunione dell’Ufficio di Presidenza del Cal convocato ieri in mattinata, alla quale la Biglio ha partecipato, dove la stessa proposta non ha ottenuto l’unanimità dei pareri necessaria. Infine, sempre ieri mattina, lunedì 25 marzo, l’assessore regionale Valmaggia ha portato all’attenzione del consiglio un emendamento alla lr 1/2018 che riforma la gestione dei rifiuti.

[su_slider source=”media: 175353″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Emendamento che prevedeva un’accelerazione nella costituzione del consorzio unico regionale (e di conseguenza di quelli provinciali). Grazie alla presenza della Presidente Franca Biglio, del Presidente dell’Anpci della Città Metropolitana di Torino Franco Cominetto e di sette sindaci piemontesi di piccoli comuni si è ottenuto un incontro con l’assessore stesso per rappresentargli le incongruenze della nuova legge e le ricadute negative.

L’emendamento è stato respinto in aula per l’azione di tre consiglieri regionali di minoranza. Due vittorie per l’Anpci sul fronte della difesa dei piccoli comuni piemontesi.

[su_slider source=”media: 179291,179288″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here