CIRIÈ – Domenica 24 marzo si è tenuta la “Fiera dell’Annunziata”. Decine di famiglie hanno deciso di fare una passeggiata tre le bancarelle dei vari spazi espositivi.

[su_slider source=”media: 179286,179285,” limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Molto apprezzata è stata la dimostrazione di caseificazione. L’operazione si è svolta in piazza Vittime dell’Ipca. Qui si sono stati esposti trattori, macchine agricole e animali della fattoria.

Ha affermato il vicesindaco Aldo Buratto: “ La giornata di sole ha agevolato la partecipazione delle persone. Vuol dire che si è riusciti a rilanciare un evento che, negli ultimi anni, era diventato un grande mercato, svuotato di tutto il significato originario”.

Gli agricoltori hanno potuto incontrare i potenziali clienti, mentre era ben visibile lo stand della Coldiretti. La compagine era rappresentata da Pier Mario Barbero, segretario della sezione Ciriè e Valli di Lanzo. Lungo via Rosmini sono stati disposti i produttori locali. Mentre il viale alberato ha ospitato i giochi per cani, gli asinelli e lo stand della Pro Loco di Devesi.

Su viale Martiri sono state esposte delle auto d’epoca e hanno presenziato anche i distaccamenti dei Vigili del Fuoco Volontari di Nole e San Maurizio. In piazza San Giovanni hanno sostato i volontari della Uisp River Borgaro e i componenti della Croce Verde di Ciriè. La fiera si è aperta venerdì 22 marzo con la proiezione del documentario “Bormida” di Alberto Momo. Sabato 23 marzo sono state aperte le mostre: “Verso il cielo che sarà” di Lorenzo Barberis” e i ritratti di famiglia chiamati “ D’Oria Gontery”.

[su_slider source=”media: 175353″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[su_slider source=”media: 179291,179288″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Scorri per guardare le foto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here