CASELLE TORINESE – Giovedì 21 marzo si è tenuto il primo incontro del ciclo “Donne che cambiano”.

Il testimone di mafia Graziella Accetta ha incontrato le scuole e i cittadini, in due diversi momenti della giornata. L’iniziativa è partita con la piantumazione di una pianta d’ulivo al Prato Fiera. La scelta del luogo non è stata casuale. Infatti sul posto è presente un monumento dedicato alle vittime di mafia.

[su_slider source=”media: 179286,179285,” limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Alla cerimonia erano presenti il sindaco Luca Baracco, l’assessore Angela Grimaldi, il comandante della Polizia Municipale Alessandro Teppa e il maresciallo maggiore Fabio Fornaiolo, a capo della caserma dei carabinieri di Caselle e l’ospite d’onore, ovvero Graziella Accetta. Ha dichiarato Grimaldi: “Si è iniziato il percorso curato dalla commissione pari opportunità in collaborazione con l’assessorato. Si è individuato un tema portante che è quello che collega la mafia con la guerra di liberazione di settant’anni fa.

La Resistenza è oggi come ieri, solo che con modalità diverse. Si è scelta consapevolmente la data del 21 marzo, in quanto dedicata alle vittime innocenti di mafia. Riteniamo che quella dell’8 marzo non sia una festa. Si è scelto il 21 marzo per sottolineare come l’impegno femminile sia presente in varie tematiche sociali”. Significativo è stato l’incontro di Accetta con alcune classi medie nella sala “Fratelli Cervi”. I giovanissimi hanno ascoltato con attenzione il racconto di una madre che, trent’anni fa, ha perso il figlio undicenne per un attentato malavitoso. Il ragazzo si chiamava Claudio Domino, rimasti molto colpiti da questa commovente storia e hanno posto parecchie domande.

[su_slider source=”media: 175353″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

L’evento si è concluso in serata. Graziella Accetta ha incontrato i cittadini nella sala consiliare di palazzo Mosca. Proprio nell’edificio comunale è stata installata una litografia del figlio Claudio, in ricordo dell’incontro. Giovedì 4 aprile, alle 17.30, in sala “Cervi” si terrà la presentazione dei lavori svolti dagli studenti nell’ambito dell’iniziativa di Legal@arte.

Si conclude con una conferenza sulla figura della madre costituente Teresa Noce nella serata di venerdì 12 aprile. L’attività è in collaborazione con l’Anpi.

[su_slider source=”media: 179291,179288″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here