IVREA – Nell’ambito delle azioni previste dal progetto Interreg Alcotra EauConcert2 si svolgerà Mercoledì 27 marzo in Santa Marta in Ivrea la 3° Assemblea di Bacino per il Contratto di fiume della Dora Baltea con la presentazione del Piano d’Azione.

[su_slider source=”media: 179286,179285,” limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Il progetto EauConcert vede come capofila lo SMIAC, Syndicat Mixte Interdépartemental d’Aménagement du Chéran, e come partner la Regione Piemonte e il BIM Dora Baltea Canavesana.

Ecco il programma dettagliato della 3° Assemblea di Bacino: alle ore 16.30 Saluti istituzionali: Roberto Ronco, Direttore Ambiente, Governo e Tutela del territorio – Regione Piemonte; Stefano Sertoli, Sindaco di Ivrea; Angelo Canale Clapetto, Presidente BIM Dora Baltea Canavesana

Seguirà Videoproiezione “Eau Concert 2 – Verso il Contratto di Fiume della Dora Baltea”

Gli interventi previsti a partire dalle 16.45 sono:

Il Progetto europeo Eau Concert 2: attuazione della strategia di pianificazione sulle acque – PTA e PdG Po, Paolo Mancin, Regione Piemonte

Il Piano di Azione del Contratto di Fiume della Dora Baltea – Cinzia Zugolaro, Studio Sferalab

Gli interventi di gestione della vegetazione ripariale concertati per il Piano d’Azione – Andrea Ebone, IPLA

Le Voci Del Territorio
Interverranno: Anna Rinaldi (Città Metropolitana di Torino), Riccardo Bertot (Confagricoltura Ivrea – Consorzio di tutela Caluso, Carema e Canavese), Sonia Scagnolari (CanaveseLab3.0), Dimitri Buracco Ghion (Associazione culturale Pubblico-08), Roberta Maggio (Architetto progettista), Brunella Bovo (Ass. Turismo e cultura – Montalto Dora), Giacomo Pasino (Coordinatore borsa di ricerca UniTo «Nuovi Turismi del Canavese»)

[su_slider source=”media: 175353″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Rete del patrimonio escursionistico: il bacino della Dora Baltea – Paolo Caligaris, Regione Piemonte e Fabio Giannetti, IPLA

Le Voci Del Mondo Scientifico

La valutazione economica dei servizi ecosistemici – Vito Frontuto, Università degli Studi di Torino – Dipartimento di Economia e Statistica

L’Atelier di esplorazione territoriale per il bacino della Dora Baltea – Cristina Renzoni, Politecnico di Milano

Per giungere al Piano di Azione che verrà presentato in Ivrea si sono svolte articolate azioni di studio ma soprattutto di progettazione partecipata sul territorio che hanno visto negli scorsi mesi incontrarsi e discutere i vari portatori di interessi pubblici e privati.

Il 22 gennaio 2019 si è svolto, presso il Comune di Quincinetto, il primo Focus Group “Gestione integrata dell’assetto fluviale e interventi attuativi per la rete ecologica di bacino della Dora Baltea”. Il Focus ha individuato con gli stakeholder le proprietà pubbliche (proprietà comunali, demanio regionale e delle Stato) e la tipologia dell’intervento con riferimento al Piano di Gestione della vegetazione ripariale della Dora Baltea (PGV).

[su_slider source=”media: 179291,179288″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Il 12 febbraio 2019 invece ai Balmetti Fiorina di Borgofranco d’Ivrea, si è svolto il Focus group “Sviluppo sostenibile del settore agricolo e valorizzazione del comparto enogastronomico”. Prima dell’avvio dei lavori si sono potuti visitare anche alcuni dei balmetti più rappresentativi e meglio conservati. Con i partecipanti si sono approfondite alcune tipologie di intervento, raccogliendo informazioni sulla progettualità in corso (in particolare legate al cicloturismo) e proposte progettuali quali il recupero dei vigneti e degli incolti dismessi per impiantare vitigni come Erbaluce e Nebbiolo o la promozione del territorio attraverso il rilancio turistico dei prodotti tipici locali, degli itinerari escursionistici in natura e delle strutture ricettive.

Infine il 26 febbraio 2019 si è svolto in Torino presso la Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio – Settore Tutela delle Acque di Regione Piemonte il terzo Focus Group “Promozione turistica e valorizzazione dell’offerta fruitiva in ambito ambientale, sportivo e storico – culturale” che ha approfondito le tematiche turistiche e dell’accoglienza, raccogliendo da soggetti pubblici e privati informazioni sulla vasta progettualità in corso, in particolare per quanto riguarda il turismo lento e devozionale, il cicloturismo, l’escursionismo e il turismo del vino.

In questi incontri si è raccolta una vera e propria mappa delle iniziative in corso e di quelle che gli attori locali si attendono per la riqualificazione ambientale e la valorizzazione del comparto enogastronomico e turistico del territorio del bacino imbrifero della Dora Baltea Canavesana, che è confluita nel Piano di Azione del Contratto di Fiume e che sarà utile nelle fasi successive del progetto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here