CUORGNÈ – Sabato prossimo, 9 febbraio, presso l’ex Manifattura di Cuorgnè, si terrà il ParroCampFest, evento benefico a favore delle Baracche di Ceresole Reale, organizzato dal Comune e dalla Parrocchia di Cuorgnè.

[su_slider source=”media: 179285,179286″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

L’evento è stato presentato questa mattina in municipio dall’Assessore Davide Pieruccini, che ha rimarcato che è un’iniziativa per raccogliere fondi necessari sia per chiudere i finanziamenti dei lavori già eseguiti, sia per terminare quello che c’è ancora da fare.

Durante la giornata, che inizierà alle 15, sarà presente l’associazione Doppio Uno con animazione e giochi per i bambini; alle 15,30 incontro con i Parroci che in questi anni anni hanno vissuto le Baracche, e, alle 21, Dj set; presente anche una bancarella di street food.

“La scelta era buttare via o recuperare – ha spiegato Pieruccini – e abbiamo optato per il recupero delle tavole in legno che componevano le pareti delle baracche, e che negli anni erano state firmate, diventando così un diario del tempo.”

[su_slider source=”media: 175353,162328″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Le tavole saranno, durante la giornata, messe a disposizione, per chi le volesse, dietro ad un’offerta: portarsi a casa un pezzo della propria storia, contribuendo così a sostenere i costi per la sistemazione delle Baracche di Ceresole che hanno visto, in questi anni, il passaggio di oltre 1600 ragazzi, con la tornata di gruppi composti dai 50 agli 80 giovani.

Durante la giornata si potrà ammirare anche una mostra, realizzata da Adriano Asere, Sergio Rocchetta e Beppe Pezzetto, che ripercorre la storia di questo particolare “campeggio” sin dalla nascita, il 1965.

Cinquantaquattro anni non sono pochi. Tutto nacque da un vice Parroco dell’epoca, che, durante una gita a Ceresole, aveva visto le baracche della ditta Pierino Mattioda e dell’AEM che erano servite agli operai che avevano costruito la centrale elettrica di Villa. Al vice Parroco venne l’idea e, rientrato, riportò tutto al Parroco che accolse con entusiasmo l’iniziativa. Contattati Mattioda e l’Azienda Elettrica Municipale, risposero con gioia alla richiesta contribuendo così alla nascita della ParroCamp.

“Desidero ringraziare tutte le persone – ha concluso Pieruccini – e sono davvero tante, che si sono adoperate per la riuscita della festa.”

[su_slider source=”media: 119356,147401,144690″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[su_slider source=”media: 179291,179289,179288,179290″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here