CASELLE TORINESE – Sabato 19 gennaio è stato presentato il programma di appuntamenti per il cinquantesimo di fondazione della Pro Loco. L’iniziativa si è svolta nella sede di via Madre Teresa di Calcutta. Hanno partecipato parecchie associazioni turistiche della zona e non sono mancati gli amministratori pubblici casellesi.

[rev_slider alias=”paonessa”]

Ha introdotto la presidente Silvana Menicali: “Benvenuti a questa conferenza. Si tratta del primo evento ufficiale dell’anno. Oggi scopriremo il nuovo logo e proporremo una mostra con 165 momenti della vita casellese”. Dopo aver elencato le attività svolte in mezzo secolo di storia, Menicali ha annunciato: “La vincitrice è la sezione A-B della scuola dell’infanzia “ la Famiglia””.

Quindi la parola è passata al vicepresidente Paolo Ribaldone: “Le idee dei ragazzi erano tutte originali. Nel mese di dicembre si è tenuto un acceso dibattito su quale fosse quella migliore. Quindi la scelta si è orientata verso il disegno della materna parrocchiale “La Famiglia”. L’opera presenta cinque importanti elementi. Il primo è l’aereo che rappresenta l’aeroporto. Il secondo è la striscia tricolore che richiama l’Italia. Il terzo dettaglio sono le quattro case. Un leggenda narra che furono tante le case presenti in paese dopo un’epidemia di peste. Quindi ci sono le quattro torri, rappresentanti la scuola dell’infanzia. Infine c’è il cerchio corrispondente al mondo che ci circonda. L’artista Piero Ferroglia e il grafico Sergio Cugno hanno stilizzato tutto questo”.

Nel corso dell’incontro sono stati ringraziati Enrico ed Ennio Pavanati per la realizzazione del logo nel 2000. La presidente Menicali ha proceduto a consegnare due assegni agli allievi e alle maestre, a riconoscimento del lavoro svolto.

[su_slider source=”media: 162328,175353″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

I nomi degli studenti della classe vincitrice sono i seguenti: Lucila Solavaggione, Amedeo Re Fiorentin, Roberto Maria Mattei, Riccardo Marchetto ed Eleonora Di Maggio. I giovanissimi sono stati coordinati dalla maestra Sabrina Mancin che attualmente è in maternità, ed è stata sostituita dalla collega Francesca Falchero.

Ha concluso l’assessore all’istruzione Erica Santoro: “Nel nostro paese, la scuola non è una cosa terza. Ma è la vita che prende parte alle iniziative e insegna ai nostri piccoli cittadini cosa significhi appartenenza. Questo logo è meraviglioso perché racchiude un viaggio. Invito gli adulti a studiare per tornare a essere bambini”.

[su_slider source=”media: 147401,144690″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[rev_slider alias=”urb”]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here