CANAVESE – Nuova mattinata d’inferno per i pendolari della Ferrovia Canavesana.

Ritardi, guasti, cancellazioni per problemi sulla tratta Rivarolo Canavese-Settimo Torinese hanno provocato questa mattina, martedì 18 dicembre, gravi disagi a chi doveva raggiungere il capoluogo. I convogli,  carichi di lavoratori e studenti, partiti negli orari di punta hanno fatto registrare ritardi anche superiori alla mezz’ora.

[rev_slider alias=”paonessa”]

“E’ un triste copione che si ripete ormai da mesi – commentano i pendolari – la normalità è diventato ormai il ritardo e non la puntualità del treno, con tempi di percorrenza della tratta Rivarolo-Torino che sono quasi sempre superiori ad un’ora. Abbiamo appreso con piacere che giovedì 20 dicembre è stato convocato presso il Comune di Rivarolo un incontro con GTT per affrontare il tema dei disservizi della ferrovia.

[su_slider source=”media: 175353,162328″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Meglio tardi che mai. In quest’occasione auspichiamo una presa di posizione forte da parte dei sindaci del territorio e interventi tempestivi da parte della Regione Piemonte per cercare di risolvere con urgenza una situazione ormai gravissima, con ripercussioni enormi sullo sviluppo del territorio canavesano e sulla qualità della vita dei suoi cittadini. Quest’anno la Ferrovia Canavesana si è confermata ancora una volta  fra le dieci peggiori linee d’Italia, è il momento di fare qualcosa e di farlo subito. Non è più ammissibile pagare degli abbonamenti per un servizio che di fatto non viene più garantito da GTT”.

Giovedì 20 dicembre alle 18, in Comune a Rivarolo Canavese, si terrà un incontro con la Città Metropolitana, Gtt, l’Agenzia di Mobilità e i Sindaci dei Comuni interessati dalla tratta.

[rev_slider alias=”librofiori”]

[su_slider source=”media: 119356,147401,144690″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[rev_slider alias=”urb”]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here