Roma, 14 dic. (AdnKronos) – “Un ergastolano che si gode la vita, sulle spiagge del Brasile, alla faccia delle vittime, mi fa imbestialire! Renderò grande merito al presidente Bolsonaro se aiuterà l’Italia ad avere giustizia, ‘regalando’ a Battisti un futuro nelle patrie galere”. Lo scrive su Twitter il ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

Per il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, “saremo pienamente soddisfatti solo quando Battisti sarà arrestato ed estradato in Italia” ha scritto sulla sua pagina Facebook. “Luis Fux – ha spiegato – magistrato del Supremo Tribunale Federale brasiliano, ha ordinato l’arresto di Cesare Battisti. Sono state accolte le nostre richieste di rigettare il reclamo di Battisti. È la notizia che aspettavamo, quello per cui il Ministero della giustizia sta lavorando da tempo”. SABBADIN – “Speriamo che sia la volta buona, speriamo che Battisti venga arrestato e sconti la sua pena” ha affermato all’AdnKronos Adriano Sabbadin, figlio di Lino, il macellaio ucciso a Mestre il 16 febbraio del ’79 in cui l’ex terrorista dei Pac fece da copertura armata al killer.

DELLA ROCCA – “E’ una storia infinita. Speriamo che, a questo punto, giustizia venga fatta. Non per avere vendetta ma perché deve essere finalmente accolta definitivamente la richiesta di estradizione italiana: Battisti possa arrivare nelle nostre carceri per scontare quello sarà” ha detto anche Roberto Carlo Della Rocca, presidente dell’Associazione italiana vittime del terrorismo (Aiviter).

CAMPAGNA – E Maurizio Campagna, fratello di Andrea, agente della Digos ucciso per mano di Cesare Battisti, si augura che “la polizia brasiliana sia preparata e lo stia monitorando per evitare che fugga ancora una volta. E’ dal 2004 che si rincorre Battisti, speriamo si arrivi finalmente all’epilogo che tutti noi familiari delle vittime auspichiamo, che giustizia venga fatta” ha commentato all’AdnKronos. L’arresto, che dovrebbe preludere all’estradizione, “chiuderebbe finalmente un’attesa che dura da troppi anni. E’ ora che questo terrorista venga a scontare i tre ergastoli in Italia, nelle patrie galere”.

2018-12-14 11:59
Maltempo: Zaia, in Veneto i danni ammontano a un mld e 769 mln di euro

Venezia, 14 dic. (AdnKronos) – Il Commissario Delegato di Protezione Civile, Luca Zaia, ha inviato nei giorni scorsi alla Comunità Europea, al Direttore del Dipartimento di Protezione Civile, Angelo Borrelli, e a vari Ministeri, in primis il Dicastero delle Politiche Agricole e Forestali, la ricognizione dei danni causati dagli eventi meteorologici di ottobre e novembre nel territorio del Veneto e, in particolare, nel Bellunese e che ammontano ad un totale di un miliardo e 769 milioni di euro. Alla Comunità Europea sarà richiesta, dal Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, l’attivazione del Fondo per le emergenze comunitarie.

2018-12-14 11:32
Weekend da brividi

Roma, 14 dic. (AdnKronos) – Weekend all’insegna di neve e temperature da brividi. Stando alle previsioni del team del sito www.iLMeteo.it, infatti, questo fine settimana sarà contraddistinto da un clima rigido, quanto meno al Nord, e dall’arrivo della neve in pianura. In particolare, sabato il maltempo interesserà le regioni adriatiche e il Sud con neve a quote via via più basse, mentre sul resto delle regioni il sole sarà prevalente anche se farà freddo. Domenica invece, mentre il tempo migliorerà anche al Sud, una perturbazione atlantica comincerà ad interessare il Nordovest con prime precipitazioni nevose fino in pianura a partire da metà giornata. La neve entro sera conquisterà tutta la pianura di Piemonte, Lombardia ed Emilia, in nottata anche del Veneto.

Un manto nevoso superiore ai 5-7 cm è atteso soprattutto sulle province di Alessandria, Pavia, Parma, Piacenza, Modena, Reggio Emilia e Bologna. Nevicherà debolmente invece a Torino e Milano. Le temperature del weekend saranno molto fredde con valori notturni sotto zero su tutto il Nord, e fino a -5°C in Piemonte e Lombardia come a Milano e Torino; valori sottozero anche in Toscana, leggermente più alti nel Lazio, come a Roma. Di giorno gran freddo al Nord con 2-5°C, fino a 10°C al Centro, valori oltre i 12°C al Sud e sulle isole maggiori. Anche la prossima settimana sarà all’insegna del clima rigido mentre da martedì tornerà l’alta pressione con nebbia al Nord e sole al Centro-Sud.

2018-12-14 10:55
Strasburgo, riapre il mercatino di Natale

Strasburgo, 14 dic. (AdnKronos) – Riapre il mercatino di Natale di . A poco più di due giorni dall’attacco compiuto in pieno centro, la città cerca di tornare alla normalità: chiuso dopo l’attentato, il mercatino riapre verso le 11, secondo quanto annunciato dal ministro dell’Interno Christophe Castaner.

Intanto la morte di Cherif Chekatt, il principale sospetto, non ferma l’inchiesta dei procuratori anti-terrorismo francesi: le indagini ancora stanno cercando di determinare se il 29enne criminale comune, che si era radicalizzato, avesse dei complici o se si è trattata dell’azione di un lupo solitario. INDAGINI – Fonti del ministero dell’Interno, qualche ora prima dell’uccisione di Chekatt, hanno spiegato al ‘Parisien’ che non si era ancora scoperta nessuna cellula terroristica a lui collegata.

ISIS – I servizi di intelligence francesi, inoltre, stanno verificando l’attendibilità del messaggio di rivendicazione dello Stato Islamico. Dopo la notizia della morte di Chekatt, l’agenzia di propaganda dello Stato Islamico, Amaq, ha diffuso un comunicato in cui si afferma che “l’attentatore di Strasburgo era un soldato dello Stato Islamico e ha condotto questa operazione in risposta all’invito ad attaccare cittadini dei Paesi della coalizione” che combatte contro l’Isis in Siria e Iraq.

2018-12-14 09:39
Usa, bimba muore sotto custodia guardie frontiera

Washington, 14 dic. (AdnKronos/Washington Post) – Una bambina di 7 anni del Guatemala è morta per le conseguenze di una grave disidratazione dopo essere stata fermata, insieme al padre e ad altri 160 migranti, dalla polizia di confine nel deserto del New Mexico. Secondo quanto ha reso noto la U.S. Customs and Border Protection, il gruppo di migranti si era consegnato alla pattuglia delle guardie di frontiera verso le 22 del 6 dicembre. Oltre otto ore dopo la piccola ha cominciato ad avere le convulsioni.

Intervenuti i soccorsi sanitari, è stato appurato che la bambina, che aveva la febbre a oltre 40, da giorni non aveva mangiato né bevuto. Trasferita in elicottero all’aeroporto di El Paso, la bimba ha avuto un arresto cardiaco, riporta ancora l’agenzia Usa.La notizia della tragica morte della piccola è destinata ad aumentare le polemiche sulle condizioni di detenzione delle famiglie dei migranti che, secondo le nuove disposizioni dell’amministrazione Trump, vengono fermate e trattenute in custodia dopo aver varcato il confine. Il portavoce dell’agenzia per il confine, porgendo le “più sincere condoglianze” al padre della piccola, ha difeso l’operato degli agenti del Border Patrol che “hanno fatto tutti i possibili passi per salvare la vita della bambina nelle circostanze più avverse”.

2018-12-14 08:28
Mattarella: “Palermo punto riferimento per tutto il paese”

Palermo, 14 dic. (AdnKronos) – “Palermo e tutta la Sicilia hanno i numeri per essere punto di riferimento per tutto il Paese”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella partecipando ieri sera al Teatro Massimo, alla cerimonia in vista della conclusione dell’anno da Capitale Italiana della Cultura 2018. Il presidente Mattarella è stato accolto dal sindaco Leoluca Orlando e dal presidente della Regione Nello Musumeci, durante l’incontro in sala Onu a cui sono stati invitati i 55 partner che hanno collaborato alla riuscita di Palermo2018. “La città ha saputo capitalizzare la sfida”, ha continuato il presidente esprimendo apprezzamento per i risultati raggiunti: Palermo registra infatti un +17 per cento di presenze in città e 30 per cento in più di pernottamenti, a conclusione di un anno entusiasmante che l’ha vista protagonista sui giornali e i periodici del mondo (12 mila uscite tra cartacei, periodici, servizi tv e web). Tra gli altri numeri, la città ha accolto oltre 100 mila fedeli per la visita del Papa nello scorso settembre per ricordare padre Pino Puglisi nel venticinquennale dell’uccisione; ha organizzato o ospitato 2500 tra mostre e installazioni, e coinvolto 15 mila artisti, oltre ad essere stata teatro di Manifesta12.

I numeri definitivi saranno resi noti a metà gennaio, ma intanto la città si prepara ad una nuova stagione di eventi trasformando Palermo Capitale Italiana della Cultura in Palermo CulturE: un nuovo capitolo che valorizzerà e continuerà nel solco della collaborazione interistituzionale e della rete tra pubblico e privato.

“E’ una missione collettiva che parte da lontano – ha detto il sindaco Leoluca Orlando – Un percorso che porta Palermo da capitale della mafia a capitale della cultura, passando dal riconoscimento Unesco. Oggi l’obiettivo è diventare stabilmente città di Culture. E’ il nostro obiettivo, è l’obiettivo di una città intera”. Secondo il presidente Musumeci, “L’anno appena trascorso ha visto tutti coinvolti. Palermo è stata all’altezza del compito a cui è stata chiamata. Un’esperienza positiva che è servita a realizzare una collaborazione tra istituzioni, dimostrando di saper portare avanti scommesse di avanguardia”. Al termine della cerimonia in sala ONU, il presidente Sergio Mattarella, accompagnato dalla figlia Laura, ha fatto il suo ingresso nella sala grande del Teatro Massimo, accolto da un lunghissimo applauso e una standing ovation del pubblico presente alla prima de “La Bohéme”, preceduta dall’Inno nazionale eseguito dall’orchestra del Massimo diretta da Daniel Oren.

2018-12-14 07:45


Pd: niente primarie in Sicilia, nella notte Faraone proclamato segretario

Palermo, 14 dic. (AdnKronos) – Niente primarie del Pd in Sicilia, domenica prossima. Dopo il ritiro di uno dei due candidati, Teresa Piccione, nella tarda serata di ieri si è riunita la Commissione regionale per il congresso che ha proclamato l’altro candidato, il ‘renziano’ Davide Faraone, segretario del Pd nell’isola. Nella notte la Commissione regionale, presieduta da Fausto Raciti, ha anche affronto il tema delle liste con i candidati all’assemblea regionale. Quindi, primarie annullate in Sicilia. Domenica prossima, 16 dicembre, niente gazebo e niente primarie.

Teresa Piccione, area Zingaretti, due giorni fa, dopo il suo ritiro a sorpresa, aveva duramente attaccato la Commissione nazionale di garanzia, accusando di avere stravolto le regole del partito con il rinvio dei congressi provinciali e di circolo a dopo le primarie. Nella notte la scelta di proclamare Faraone segretario del Pd.

2018-12-14 07:14
Tv: è Anastasio il vincitore di X Factor 2018 (2)

(AdnKronos) – “Vai e disturba, che anche se non vinci non è la fine del mondo”, lo ha lanciato prima dell’ultima esibizione Mara Maionchi, più volte commossa dalle performance dello studente di Portici. E invece Anastasio ha vinto, scaldando il pubblico con i suoi best of: Se piovesse il tuo nome, Generale e The Wall. “Con questa canzone Anastasio mi fai pensare che non sono morta, che sono viva, e che posso fare quello che mi pare”, ha confessato durante la diretta la produttrice discografica. “Com’è successo? Questa cosa mi è sfuggita di mano”, è la prima reazione del rapper dopo la proclamazione, al termine di una serata di grande spettacolo e musica, che ha visto alternarsi sul palco artisti come Marco Mengoni, The Giornalisti, Ghali e i Muse. Unanime il parere dei giudici sul ragazzo: “Mi sento il giudice acquisito di Anastasio e ho sempre sperato di vederlo in finale, perché in questi miei anni di X Factor non c’è mai stato nessuno che sia riuscito a valorizzare così la parola. Ti auguro ogni bene”, le parole di Fedez. ‘La fine del mondo’ “è la canzone dell’edizione, lo dice il palasport, lo dicono le persone e la rabbia con cui la canti”, ha decretato Lodo.

In finale, molto rap e molte lacrime, comprese quelle del conduttore Alessandro Cattelan, toccato dall’eliminazione di Luna, la piccola Dua Lipa dell’edizione 2018, che “rappa come una mitragliatrice e canta come un usignolo”, per usare le parole del suo mentore, Manuel Agnelli, convinto che la sedicenne farà strada perché “non c’è al momento un personaggio femminile in Italia che rispecchi le tue caratteristiche e le tue qualità”. La soprano Naomi, in squadra con Fedez, ha portato come best of le performance dell’edizione che meglio hanno esaltato le sue capacità vocali (Bang Bang, Look at me now e Never Enough) e l’inedito Like the rain, ma si deve accontentare del secondo posto. “Sei una stella e puoi fare qualsiasi cosa”, è l’endorsement per lei di Mara Maionchi.

Niente da fare per Lodo: i suoi Bowland sono stati i primi a essere eliminati, ma il giudice entrato in scena a gara iniziata al posto di Asia Argento si è preso i ringraziamenti e i complimenti di Fedez (“è stato bravo, è subentrato in una situazione difficile”). Il rapper ha colto l’occasione anche per salutare X Factor visto che dal prossimo anno ha deciso di lasciare la ‘sedia’ a qualcun altro per dedicarsi alla musica. La serata in diretta su Sky Uno e in chiaro su Tv8 è iniziata con qualche minuto di raccoglimento in un Forum a luci spente per le sei vittime della tragedia di Corinaldo. La scenografia scelta dal direttore artistico dell’edizione, Simone Ferrari, ha alternato emozionanti esibizioni al lume di candela e danza aerea ad articolate coerografie su un palco sempre in movimento.

2018-12-14 00:51
Air France-Klm: apre nuova sede a Milano

Roma, 14 dic. (AdnKronos) – Nuova sede a Milano per Air France-Klm. Dall’ampia superficie monopiano caratterizzata da alti livelli di efficienza e da spazi eleganti ed accoglienti, la nuova sede del gruppo accoglie l’intero team di 40 professionisti che svolge le principali attività commerciali verso i clienti corporate e trade del Gruppo. Un trasferimento strategico, dall’alto significato di rappresentanza dei brand, che segna il ritorno di Air France-KLM nella capitale economico-finanziaria italiana, dopo anni di ‘residenza’ a Segrate.

I nuovi uffici dispongono di un’organizzazione degli spazi innovativa: i dipendenti non hanno una postazione assegnata ma, a seconda delle necessità, dispongono di molte zone silenziose per concentrarsi nel lavoro o, altre, per incontrare i colleghi. I comodi collegamenti con i mezzi pubblici, inoltre, consentono a tutto il personale di raggiungere la nuova sede in tempi rapidi senza l’utilizzo dell’auto propria per uno stile di vita eco-sostenibile coerente con la strategia del gruppo.

“Siamo lieti di posizionarci all`interno del tessuto urbano di Milano, città che, oggi più che mai, esercita una grande attrattività sia per il mercato business che per quello turistico. La nuova sede si trova a due passi dall’aeroporto di Linate, è molto ben collegata alla rete di trasporti pubblici di Milano e vicina alle principali arterie della capitale lombarda. Questa nuova posizione ci porta più vicini ai nostri clienti e ai nostri partner e garantisce un ambiente di lavoro, per i nostri dipendenti, molto più efficiente con alcune importanti novità in termini di spazi in condivisione, trasversalità e convivialità”, afferma Pieter Elbers, ceo di Klm.

2018-12-14 00:37

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here