Dopo

FAVRIA – Sono stati ultimati nei giorni scorsi i lavori per la sostituzione dei servizi igienici del cimitero. L’intervento era stato avviato nei mesi estivi ed è costato alle casse comunali oltre 20mila euro.

«L’opera era assolutamente necessaria, perché lo stato in cui versavano i bagni quando abbiamo assunto le redini dell’Amministrazione era davvero indecente – spiega il sindaco Vittorio Bellone – In molti si erano lamentati di quella scandalosa situazione, giustamente. E’ stato uno dei primi punti del nostro impegno verso i cittadini favriesi, perché questi lavori erano attesi da anni. Da parte nostra l’intervento rappresenta anche una sorta di forma di rispetto per un luogo sacro, senza contare il fatto che la chiesa di San Pietro Vecchio del cimitero attrae molti visitatori grazie ai suoi affreschi di epoca romanica e rinascimentale. Devo quindi ringraziare il consigliere Mario Schipani e l’assessore Silvio Carruozzo per l’attenzione con cui hanno seguito l’iter del progetto, suggerendo anche importanti migliorie tecniche».

I bagni sono stati rifatti completamente, sia all’interno che all’esterno. Oltre ad eliminare i vecchi sanitari, infatti, è stato necessario rinnovare i serramenti e provvedere al risanamento dei muri.

nfimpiantibanner
coferbanner

«Era una questione sia igienica sia di decoro – aggiunge il consigliere delegato al Cimitero Mario Schipani (nella foto con il sindaco) – Che immagine infatti potevamo offrire alle persone che magari venivano da fuori per salutare i loro cari sepolti nel nostro cimitero? Molti cittadini sin da subito ci hanno chiesto di porre rimedio ad una situazione che era imbarazzante per il nostro paese. Oltretutto, adesso i servizi igienici del cimitero sono a norma e usufruibili anche dalle persone disabili, cosa che prima non erano. Abbiamo così posto rimedio ad un inconveniente non di poco conto. Ora che è stata terminata quest’opera, abbiamo in previsione una serie di altri interventi di miglioria e riqualificazione del cimitero».

ilbere
Tritapepe

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here