ASTI – I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Asti, coordinati dal Sostiututo Procuratore della Repubblicadr.ssa Simona Macciò, hanno dato esecuzione ad un decreto di perquisizione presso la dimora di due persone di origine albanese nell’ambito di un’attività mirata al contrasto di furti e ricettazione.

I militari hanno fatto irruzione all’interno di un appartamento in via XX Settembre ad Asti, dove si trovavano alloggiati i due domiciliati ed altre tre persone di origine albanese e, nella circostanza, sono state rinvenute due riproduzioni di pistole revolver a salve e numerosi oggetti e merce di dubbia provenienza.

Il materiale sottoposto a sequestro in parte era riconducibile ad un furto perpetrato alcuni giorni prima presso un centro sportivo di Magliano Alfieri (CN), dove vari generi alimentari tra i quali bevande super-alcoliche, alcoliche ed analcoliche, mentre altri oggetti erano verosimilmente provento di altre azioni delittuose.

nfimpiantibanner
coferbanner

Una motosega marca Stihl, un rasa siepi elettrico marca Stihl, uno zaino marca Next di colore grigio, un orologio digitale in acciaio marca Casio, un orologio marca Swatch modello Irony con cinturino in cuoio di colore giallo, una campanella in argento con un angioletto, un braccialetto in corda ed acciaio con su inciso la scritta “per sempre tua..tvb Sandra”, un braccialetto in acciaio con la scritta “Gabri”, due fedine in argento, varie monete antiche nazionali ed internazionali, una medaglia ricordo in argento della Cassa di Risparmio di Torino, una cassa acustica marca Trust sono stati sequestrati dai Carabinieri dopo un accurato controllo.

Delle cinque persone controllate, tre erano deferiti all’autorità giudiziaria per la commissioni di altri reati: uno per violazione delle leggi sull’immigrazione clandestina, poiché non in regola con il permesso di soggiorno ed immediatamente avviato, tramite la locale Questura, alla procedura di espulsione; un altro deferito per possesso ingiustificato di armi e strumenti atti ad offendere ed infine uno denunciato per la violazione del provvedimento del divieto di ritorno nel comune di Asti.

ilbere
Tritapepe

La Procura ed i Carabinieri invitano le persone che possono aver subito i furti degli oggetti sequestrati a presentarsi presso il Comando Provinciale Carabinieri di Asti per eventuali riconoscimenti della refurtiva.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here