TORINO –   Cassonetti e parchimetri usati per nascondere le dosi e minorenni utilizzati per spacciare la droga.

I carabinieri hanno smantellato un gruppo criminale di magrebini che utilizzava la strada come se fosse il loro ufficio dell’illegalità: riunioni e consegne di droga. Si tratta di una banda che aveva conquistato il monopolio dello spaccio su alcune aree del quartiere San Salvario. Centinaia di cessioni di giorno e di notte.

[rev_slider alias=”paonessa”]

Il business della droga che non conosceva soste (domenica e festivi compresi). Un supermercato aperto sempre dove i clienti erano i più svariati: studenti, impiegati, operai e manager. I carabinieri della Stazione di Torino San Salvario, in collaborazione coni reparti territorialmente competenti, hanno eseguito una misura cautelare nei confronti di 15 magrebini (9 in carcere e 6 divieti di dimora nel Comune di Torino e provincia) emesse dal GIP del Tribunale di Torino per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

[su_slider source=”media: 162328,150947″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

L’indagine ha smantellato un sodalizio criminale composto di nordafricani, in Italia senza fissa dimora, operante nel capoluogo piemontese. Il gruppo era specializzato  nella vendita di hashish, eroina, cocaina e crack,  in Via Berthollet  e utilizzava ragazzi minorenni per le consegne.

Sono state accertare 145 cessioni di droga, sequestrare 300 grammi del tipo marijuana, hashish, cocaina. crack ed eroina; Le indagini hanno permesso già di fermare 8 persone, tra arresti e denunce, responsabili di  detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti.

[su_slider source=”media: 119356,147401,144690″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

GUARDA IL VIDEO

[rev_slider alias=”urb”]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here