TORINO / VENARIA / BORGARO – Mentre in via Germagnano il presidio delle forze dell’ordine ha lasciato il posto solo ai militari in strada dell’aeroporto continuano i roghi a pochi passi dalla tangenziale, riaprendo le polemiche sui danni ambientali e alla salute dei residenti.

[rev_slider alias=”paonessa”]

Ancora un volta infatti il fumo nero e denso proveniente dal campo nomadi di strada dell’Aeroporto ha reso, irrespirabile con il suo odore, l’aria di Venaria, Borgaro e una parte di Torino Nord. L’ennesimo rogo tossico, che ha reso a tratti pericolosa la viabilità nella vicina tangenziale.

Sono molti i comitati spontanei che sollecitano le forze pubbliche e le Istituzioni per fare in modo che si facciano rispettare i regolamenti vigenti per gestire in modo migliore gli accampamenti. Fumi che oltre ad arrecare gravi conseguenze di salute recano danni a chi abita in prossimità trovandosi la casa invasa da fuliggine.

[su_slider source=”media: 162328,150947,143165″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Ora in molti chiedono di porre fine a tutti questi roghi di oggetti che vengono dati alle fiamme e che rilasciano nell’aria polveri contenenti agenti chimici patogeni. Infatti secondo alcuni medici consultati, l’incidenza di tumori nelle vicinanze di Campi Nomadi è doppia, rispetto al normale.

[su_slider source=”media: 119356,147401,144690″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[rev_slider alias=”urb”]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here