SAN MAURIZIO CANAVESE – La grande patronale di San Maurizio Canavese ha preso il via nella serata di giovedì 20 settembre con l’apertura del padiglione gastronomico nel terreno antistante la chiesa plebana.

Camerieri e cuochi di eccezione sono stati, oltre ai consiglieri comunali e al vice Sindaco Ezio Nepote, anche i volontari della Federazione Nazionale Vigili del Fuoco Volontari onlus delegazione di San Maurizio che con il suo presidente Diego Coriasco hanno offerto il loro apporto per l’organizzazione e la cura dell’evento. Il clou si è verificato nella giornata di domenica dove il tradizionale Palio delle Oche ha portato nel piccolo comune canavesano moltissime persone giunte per passare, complice il bel tempo di sole che ha accompagnato questa edizione, qualche ora in allegria.

Alle 9 nella sala consiliare il Sindaco Paolo Biavati ha accolto una delegazione Nazionale Decorati Medaglia D’oro Mauriuziana. Dopo i saluti ufficiali alle 10 nella chiesa di San Maurizio Martire si è svolta la solenne Processione per le vie cittadine accompagnata dalle note della Filarmonica la Novella di San Maurizio Canavese, che già nella serata di venerdì 21 settembre aveva dato esempio della grande bravura dei musici, durante il concerto che, anno dopo anno, offrono per i festeggiamenti patronali. Dopo la funzione solenne in chiesa, il rinfresco nei cortili dell’oratorio ha chiuso questa mattinata di festa ai quali ha partecipato la delegazione di General Cabrera che da quattordici anni è gemellata con San Maurizio Canavese.

Alle 14,30 tutti i borghi si sono ritrovati per dare vita alla diciannovesima edizione del Palio delle Oche, tornate quest’anno dopo un anno di assenza dovuta alle direttive ministeriali che vietavano l’uso delle oche. I borghi in lizza per il successo finale sono stati San Bernardo, San Rocco, Ceretta, Malanghero, Borgo, Borgo nuovo, Ballo, Cirenaica e Madonna della Neve. Alle 15 sotto le note dei musici sanmauriziesi il corteo ha fatto il suo ingresso in via Matteotti per ricevere gli applausi del numeroso pubblico presente. Dopo un bellissimo pomeriggio di gare a trionfare in questa edizione del 2018 è stata la Frazione di Ceretta che con Casimiro II si è aggiudicata il Palio, edizione 2018. Casimiro II ha anche stabilito il nuovo record del circuito con 6” e 18 centesimi abbassando di ben 2 centesimi il record che era detenuto da Borgo Ballo nell’edizione del 2016. La classifica finale vede: 1° Ceretta, 2° Ballo, 3° San Rocco, 4° Borgo, 5° Malanghero, 6° Borgo Nuovo, 7° Madonna della Neve e a parimerito all’ottavo posto si sono classificati San Bernardo e Cirenaica.

nfimpiantibanner
coferbanner
gymtonic

Una speciale giuria ha visionato i carretti dei borghi partecipanti decretando il miglior caretto quello della Frazione di Malanghero. Dopo questa grande competizione si è svolta la tradizionale gara delle bocce quadre. In serata una rappresentazione teatrale in lingua piemontese ha chiuso questa grande giornata di festa. A tracciare un bilancio sono stati Sonia Giugliano, Andrea Persichella e Mauro Bonardo. Mauro Bonardo in una pausa, dalla direzione della cucina, ha affermato: “È sempre una grande gioia poter contribuire a questo magnifico evento, il padiglione gastroninomico ha ottenuto un notevole successo oltre le nostre previsioni. Questo ci stimola a fare sempre meglio negli anni futuri.

ilbere
Tritapepe

Un ringraziamento va a tutti coloro che con me hanno collaborato per rendere possibile questo evento, non menzionerò nessuno perchè rischierei di dimenticare qualcuno e questo mi spiacerebbe molto, unica menzione è mio cugino Riccardo che ha gestito tutto l’iter gastronomico. A tutti il mio più sentito grazie”. Molto soddisfatti sono stati anche Sonia Giugliano e Andrea Persichella che cavalcando il grande pomeriggio di festa, commentano: “Anche quest’anno siamo giunti alla festa Patronale del nostro bellissimo Comune, – dichiara Sonia Giugliano – una festa dove ci sono state tante novità a partire dall’allargamento dello stand gastronomico che, anche nella serata del sabato, ha fatto registrare un notevole successo di pubblico, ciò significa che qui da noi c’è il giusto mix dove stare in compagnia, divertirsi e mangiare bene. Anche quest’anno i proventi che giungeranno dallo stand gastronomico sono finalizzati a due importanti progetti: il primo e il fondo di solidarietà per aiutare le famiglie bisognose del nostro comune, piccoli aiuti che speriamo facciano vivere con meno patemi d’animo.”

“Il secondo progetto – prosegue Andrea Persichella – riguarda non solo il nostro comune, ma anche i comuni limitrofi ed è il progetto della costruzione di un’ elisosta per permettere anche in notturna di far atterrare l’elicottero del 118. I lavori sono partiti e verrà situato nel prato antistate il distaccamento dei Vigili del Fuoco Volontari di San Maurizio. Molto è stato fatto e molto resta ancora da fare per finire questo importante progetto che vede coinvolti oltre che i Vigili del Fuoco di San Maurizio Canavese, anche la CRI di San Francesco al Campo che fin dagli inizi è stata al nostro fianco per questo importante progetto”. Nella serata di lunedì 24 settembre, oltre all’apertura dello stsand gastronomico e della serata danzante di liscio, alle 23 si terrà un meraviglioso spettacolo pirotecnico che chiuderà questa edizione 2018 dei festeggiamenti patronali. Al termine dei fuochi seguirà una spaghettata di mezzanotte.”

https://youtu.be/Aa1T6iP2FIc

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here