CASELLE TORINESE – In occasione dei festeggiamenti patronali casellesi il Sindaco Luca Baracco ha conferito la prima Cittadinanza Onoraria del Comune dell’aeroporto.

La cerimonia è avvenuta domenica 16 settembre sotto il palatenda del Prato Fiera, in chiusura della Messa solenne officiata da don Claudio Giai Gischia. Al termine del rito Eucaristico il sindaco Luca Baracco afferma: “Oggi con grande gioia ufficializziamo la conclusione di un iter amministrativo che ha portato a conferire la prima cittadinanza onoraria del Comune di Caselle.

Nel corso del 2017 un gruppo di cittadini ha raccolto le firme per proporre la candidatura di don Giovanni Balocco che opera nella comunità da più di 25 anni. A questo proposito invito il mio collega amministratore Roberto Giampietro, capogruppo di minoranza, a raggiungermi sul palco per la consegna perchè queste cose non hanno un colore politico, ma sono fatte da tutta la comunità. Questo percorso è stato condiviso da tutto il consiglio comunale”. Quindi sono state consegnate una targa e una pergamena a ricordo dello storico momento.

ilbere
Tritapepe

Visibilmente commosso don Giovanni afferma: “Grazie per ciò che mi avete dato e insegnato. Questo mi spinge, nonostante gli 82 anni di età, a voler fare di più per tutti voi. D’altronde il mio maestro è don Claudio”. Don Giovanni è ben voluto nella comunità dove svolge il ruolo di collaboratore parrocchiale. Fino al 2005 ha insegnato storia e filosofia al liceo Volta di Torino. Dopo le tradizionali foto di rito tutta la cittadinanza ha potuto stringere la mano a Don Giovanni e scattare una foto.

Ha presenziato alla manifestazione anche il Cavalier di Gran Croce Commendator Gino Gronchi che afferma: “È un vero piacere essere qui oggi con voi a festeggiare questo grande amico. Conobbi molti anni orsono Don Giovanni quando aiutava il nostro parroco di Volpiano e subito instaurammo un rapporto di amicizia e stima, che oggi a distanza di molti anni si rinsalda sempre più”.

nfimpiantibanner
coferbanner
gymtonic

GUARDA IL VIDEO

GUARDA LE FOTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here