venerdì 22 Gennaio 2021

IVREA – In piazza Ferruccio Nazionale si è riunito il sit-in per dire “Non in mio nome” (FOTO E VIDEO)

Durante la manifestazione sono state raccolte le firme per una lettera aperta destinata all'amministrazione eporediese

IVREA – Un sit-in per dire “Non in mio Nome”, rivolto al Matteo Salvini, sul caso Diciotti e non soltanto, si è tenuto questa sera, lunedì 27 agosto, in piazza Ferruccio Nazionale ad Ivrea.

[su_slider source=”media: 140168,162328″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]


L’iniziativa è stata promossa dall’Anpi in collaborazione con gli attivisti di sinistra (Pd, Sinistra Italiana, Rifondazione Comunista, sindacato Cgil…).

Durante la manifestazione, alla quale hanno aderito un buon numero di persone, sono state raccolte le firme su una lettera consegnata poi all’amministrazione di Ivrea, in particolare al Sindaco e al Presidente del Consiglio, per ricoprire il ruolo di portavoce del dissenso, verso le Istituzioni superiori dello Stato Italiano.

[su_slider source=”media: 147401,144690″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Il dissenso riguarda le decisioni sugli immigrati, assunte dal Governo , che, affermano gli organizzatori del sit-in, “viola la Costituzione e pertanto noi non stiamo con Salvini”.

L’argomento divide le persone sui social. Non soltanto per una questione di razzismo o xenofobia, che rappresenta la principale paura, specie dell’Anpi i cui componenti ancora in vita hanno visto con i propri occhi; vissuto sulla propria pelle. E la paura si accentua a leggere sovente commenti razzisti sui social. D’altra parte, però, c’è chi sostiene che non si tratti di razzismo, bensì di sicurezza per gli italiani. E chi invece sostiene che questa battaglia contro al Ministro Salvini venga sollevata ora solo ed esclusivamente per una questione politica; oppure perchè in fondo, intorno alla permanenza degli immigrati in Italia, gira un bel business di Cooperative che dovrebbero occuparsi del loro temporaneo soggiorno. Insomma, che la Diciotti sia soltanto un capro espiatorio.

[rev_slider alias=”urb”]

Una situazione difficile che divide la Politica, i cittadini…una situazione difficile da gestire per il Governo Italiano. Una situazione che, comunque verrà gestita, non accontenterà mai tutti.

GUARDA IL VIDEO

GUARDA LE FOTO

Leggi anche...