venerdì 4 Dicembre 2020

CHIVASSO – Medico preso a pugni da una paziente; Nursind chiede più sicurezza

Il dottore è stato portato al Pronto Soccorso con una prognosi di 10 giorni

CHIVASSO – Sta purtroppo diventando notizia frequente, quella delle aggressioni negli ospedali.

Il Nursind ha inviato una nota al riguardo, nella quale sottolinea la richiesta di intervento alla Regione Piemonte.

[su_slider source=”media: 140168,162328″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

La pubblichiamo qui integralmente:

“Dopo tanti episodi già segnalati e gli ultimi di Moncalieri, Chieri, San Luigi, nel giro di pochi giorni ci troviamo di fronte all’ennesimo caso grave di aggressione nelle nostre aziende sanitarie.

Questa volta è toccato ad un medico del centro di salute mentale di Chivasso presa a pugni da un paziente e trasportata presso il pronto soccorso con una prognosi di 10 giorni.

I dati e i fatti parlano chiaro, le condizioni di sicurezza per poter svolgere il nostro lavoro con serenità, senza il rischio di incorrere ogni giorno in un pericolo per la propria incolumità fisica, sono sempre meno, specie nei luoghi più a rischio, come i pronto soccorso e la psichiatria.

Avevamo detto che le misure adottate dal governo non ci sembravano sufficienti per affrontare e cercare di risolvere con la giusta determinazione il problema.

Mentre la procura di Torino nei giorni scorsi ha aperto un’inchiesta proprio sulle aggressioni, ciò che ci lascia basiti è il completo disinteresse da parte delle nostre istituzioni regionali” commenta Francesco Coppolella, Coordinatore Regionale del Nursind.

[su_slider source=”media: 147401,144690″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

“Ci sembra, che, nonostante le aziende si sforzino per affrontare un problema che anche loro riconoscono essere serio, per le conseguenze che ne possono derivare, siano lasciate completamente sole dalla politica Regionale.

Non è normale che un sanitario debba mettere in conto di poter mettere potenzialmente a rischio la propria vita durante la sua giornata di lavoro” continua Coppolella.

“Il Nursind chiede che il problema venga affrontato con grande attenzione anche e soprattutto a livello regionale” afferma Giuseppe Summa, Segretario provinciale del Nursind.

[rev_slider alias=”urb”]

“È necessario, continua Summa, attuare tutte le azioni utili per mettere le aziende nelle condizioni di poter prevenire il fenomeno nei luoghi a rischio.

Investire risorse economiche per rendere idonee le strutture e fornire le aziende di mezzi e strumenti adeguati per proteggere il proprio personale.

La presenza di guardie giurate nei presidi e nei servizi a rischio deve essere un ipotesi da prendere seriamente in considerazione.”

“Non possiamo pensare che la politica se ne la vile mani – conclude ancora Coppolella – Ci aspettiamo una immediata e tempestiva risposta da parte della Regione Piemonte, con una seria strategia di azione che metta in sicurezza il personale e che lo stesso possa sentirsi non abbandonato.”

Original Marines

Per il tuo Natale...

- Advertisement -

Leggi anche..

CHIVASSO – Il cadavere trovato nelle campagne, era stato abbandonato lì da una coppia di Brandizzo

CHIVASSO – Sono stati un uomo di 39 anni e la sua convivente di 46 anni, di Brandizzo, ad abbandonare il corpo senza vita...

CHIVASSO / CIRIÈ – Covid-19: allestite le tensostrutture fuori dagli ospedali

CHIVASSO / CIRIÈ - La Regione Piemonte ha previsto anche per l’ASL TO4 il potenziamento dei posti covid con tensostrutture esterne allestite grazie alla...

CHIVASSO – Ospedale: nuove modalità di accesso per ambulanze e autovetture

CHIVASSO - Nuove modalità di accesso per le ambulanze e per le autovetture private che si rechino al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Chivasso a...

CHIVASSO – L’uomo senza vita trovato in aperta campagna è deceduto per overdose

CHIVASSO – È stata un'overdose di eroina la causa della morte del 22enne romeno, Andrei Miron Radu, residente a Crescentino (VC), il cui corpo...

CHIVASSO – Tenta di salire al volo sul treno, denunciato

CHIVASSO - Durante un servizio di scorta treno nella tratta Torino – Novara, gli agenti del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Piemonte e la...

Ultime News

CORONAVIRUS – Nuove ordinanze: il Piemonte resta in zona arancione

CORONAVIRUS - Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato tre nuove Ordinanze sulla base dei dati della Cabina di Regia (DM 30 aprile 2020) che si...

CORONAVIRUS – I bollettini di oggi, 4 dicembre, in Canavese, Piemonte e Italia

CORONAVIRUS – Oggi, venerdì 4 dicembre, l'Unità di Crisi della Regione Piemonte ha registrato 2132 nuovi casi, con 20.846 tamponi eseguiti, per una percentuale...

CANAVESE – Scende il numero dei ricoverati in reparto e in terapia intensiva; Vercellino sul nuovo ospedale

CANAVESE – Cala lievemente la pressione sul sistema sanitario canavesano. Dagli aggiornamenti forniti in data odierna dall'Asl To4 al momento sono 504 i pazienti...

RIVAROLO CANAVESE – Lutto per la scomparsa di Franco Vittone, ex Presidente del Grap di Pasquaro

RIVAROLO CANAVESE – La città, il modo dell'associazionismo e in particolare frazione Pasquaro, in lutto per la scomparsa di Franco Vittone, 80. Franco Vittone ha...

ASTI – Vigili del Fuoco del Comando provinciale in stato di agitazione

ASTI - “E’ la prima volta che i Vigili del fuoco del Comando provinciale di Asti entrano in stato di agitazione. A mia memoria...