giovedì 13 Maggio 2021
giovedì, Maggio 13, 2021
spot_img

SANITA’ – Nursind torna all’attacco di Saitta per le mancante assunzioni

SANITA’ – Dopo la polemiche dei giorni precedenti e la lettera inviata al Ministro della Sanità Giulia Grillo, il Nursind Piemonte torna all’attacco dell’Assessore Saitta e delle mancate assunzioni.

500 assunzioni in meno tra il 2017 e il primo semestre 2018, delle quali 350 riguardano gli infermieri piemontesi.

[su_slider source=”media: 140168,162328″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

 

Purtroppo per gli operatori della Sanità piemontese, avevamo ragione -commenta il coordinatore regionale Francesco Coppolella, nonostante la regione ci abbia accusato di strumentalizzare e di non fare gli interessi dei lavoratori.

Questi i dati della Regione Piemonte: Infermieri assunti tra il 2017 e 2018 628, infermieri cessati 978.

2246 cessazioni in totale nel 2017, contro 1909 assunzioni.
1281 cessazioni nel 2018, contro 1184 assunzioni.
In pratica un delta di circa 500 operatori non assunti, che equivalgono circa a 20 milioni di euro.

[su_slider source=”media: 147401,144690″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

 

E non si conosce il dato del 2016, che come già detto, ha visto un risparmio di ulteriori 18 milioni di euro.

“All’Assessore che ci ha accusati di non fare gli interessi dei lavoratori – conclude Coppolella – rispondiamo che lui invece ha fatto gli interessi dei Direttori Generali, aumentando loro gli stipendi, mentre gli infermieri pagavano il disagio dei tagli sulla propria pelle.”

[rev_slider alias=”urb”]

 

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img