TORINO – Aumentati da inizio mese i servizi di controllo a Torino PN per prevenire microcriminalità e degrado in ambito ferroviario.

 

I risultati non hanno tardato ad arrivare e sono numerose le persone incappate nei filtri operati dalla Polizia Ferroviaria ai varchi di ingresso dell’impianto e nell’area partenze; dall’inizio di questo mese solo nello scalo di Porta Nuova sono state identificate 800 persone di cui 242 straniere, una ventina gli indagati e 3 le persone munite di provvedimento di allontanamento dallo scalo per 48 ore, emesso in attuazione della normativa per la sicurezza urbana L 48/2017, nei confronti di questuanti molesti che impedivano la fruizione dell’esercizio ferroviario, intimidendo i viaggiatori in vari modi.

Paonessa

 

In ultimo, nel primo pomeriggio di ieri un ragazzo italiano di 19 anni residente a Torino è stato fermato nell’atrio principale e sorpreso con un coltello nel marsupio del cui possesso non sapeva fornire motivazione, per cui è stato denunciato alla Autorità Giudiziaria per possesso ingiustificato di armi atte ad offendere. Il medesimo è già noto per atti di bullismo, facente parte di una baby gang operante a Torino Nord negli anni scorsi.

Nel primo pomeriggio del 9 luglio tre ragazzi, di cui uno risultato minore, che si aggiravano per la stazione, hanno attirato l’attenzione degli Agenti Polfer col loro atteggiamento nervoso e sfuggente e hanno tentato in tutti i modi di eludere il controllo di Polizia. A seguito di perquisizione sono stati trovati e sequestrati 10,65 grammi di hashish, un bilancino di precisione e 865 euro in contanti nei confronti dei due maggiorenni: un viterbese 22enne e di un 18enne romano, già gravato da precedenti in materia di stupefacenti.

ilbere
Tritapepe

 

Mentre pochi giorni prima, durante i controlli iniziati all’alba negli scali ferroviari di servizio di Porta Nuova, dove talvolta i giovani reduci della movida cercano riparo notturno nelle carrozze lì garate, sono stati rintracciati 4 giovani stranieri, tre marocchini irregolari, accompagnati presso la Questura per l’identificazione ed espulsione ed un quarto tunisino 25enne trovato in possesso di 27 grammi di hashish, indagato per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. Tutti gli stranieri sono stati sanzionati per violazione del Regolamento di Polizia Ferroviaria con pagamento di 516euro cadauno, perché sorpresi in area di servizio ferroviario interdetta al pubblico.

Stessa sanzione è stata contestata al 20enne marocchino regolare, ma gravato da numerosi precedenti di Polizia, che mercoledì sera è stato sorpreso da una pattuglia del Settore Operativo, mentre tentava di forzare le recinzioni del sedime ferroviario a protezione dell’area di servizio posta al fondo della banchina del binario 1 lungo via Nizza.

I controlli della Polfer continueranno per tutta l’estate, potenziati in particolare nei fine settimana e nei giorni in cui è previsto il maggior transito di viaggiatori, villeggianti e turisti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here