VENARIA REALE – Gran successo di pubblico e di partecipanti per il 10^ Raduno Nazionale della due ruote più amata dagli italiani, la mitica moto della Piaggio.

L’evento, organizzato dal Vespa Club di Venaria in collaborazione con il Comune ha accolto vespisti provenienti da tutte le regioni italiane. Alla “passeggiata venariese”, hanno partecipato più di 400 vespisti arrivati da ogni zona della provincia e della regione, ma anche da Puglia, Lazio, Molise e Sicilia.

ilbere
Paonessa
coferbanner

A portare i saluti istituzionali il sindaco Roberto Falcone, arrivato i sella di una Vespa con l’assessore alla cultura Antonella d’Afflitto. Molti gli appassionati e i cittadini arrivati in piazza della Repubblica per ammirare i loro veicoli, molti dei quali di altissimo pregio per poi salutare, successivamente la lunghissima carovana colorata che ha raggiunto, dopo un tour turistico di 40 chilometri le zone verdi e collinari della Ceronda dove si è concluso il lungo serpentone di Vespe.

Dopo il pranzo presso il ristorante Moma la premiazione dei vespisti e i saluti dal presidente del Vespa Club Venaria, che vanta attualmente il più alto numero di iscritti tra i 42 Vespa Club. “È stata una grande emozione – ha spiegato il presidente Vito Nicosia – contare così tante Vespe sul nostro territorio e ritrovare tanti amici che ci hanno regalato la gioia della loro partecipazione. – Una bella soddisfazione per il club venariese che nasce ufficialmente nel 2007 – Il mio primo raduno risale a luglio 1966 e da allora ho partecipato a tutti i raduni. Tra l’altro sono stato anche motociclista nell’arma dei carabinieri, ma la moto non mi ha mai dato la grande soddisfazione e la passione che ha saputo darmi la Vespa” .

Una bellissima festa che ha riunito tantissime persone accomunate dalla stessa passione.

gymtonic
Allianz 2 modifica jpeg

GUARDA IL VIDEO

GUARDA LE FOTO

Tritapepe
Pandolfini
primocontattolungonuovapertura

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.