mercoledì 20 Gennaio 2021

TORINO – Operazione “Bad Neighbours”: fermati tre rapinatori (FOTO E VIDEO)

TORINO – Il Commissariato di Pubblica Sicurezza “Dora Vanchiglia” ha eseguito la misura del Fermo di Indiziato di Delitto nei confronti di 3 soggetti, tutti di origine marocchina, che occupavano abusivamente un alloggio di uno stabile abbandonato in via Bologna, diventato il campo base delle relative attività criminali, tutte perpetrate nelle vicinanze della loro abitazione.

[su_slider source=”media: 147401,150947″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Gli investigatori hanno accertato come questi commettessero scippi e rapine in danno di donne sorprese in strada da sole, mentre si stavano recando al lavoro nella fascia oraria ricompresa tra le 6.00 e le 8.30 del mattino. I reati sono stati perpetrati nelle zone ricomprese tra corse Vercelli, lungo Dora Napoli e via Bologna. La refurtiva è stata poi lasciata all’interno dell’alloggio occupato.

L’attività investigativa del Commissariato di Dora Vanchiglia è nata dalla trattazione di una rapina commessa il 18 aprile scorso nei pressi di via Perugia, alle 8.00 del mattino. La vittima, una donna che si stava recando al lavoro, aveva appena parcheggiato la macchina quando è stata afferrata alle spalle da un giovane extracomunitario che ha tentato di scaraventarla fuori dall’auto. Nel tentativo di difendersi, la donna si è aggrappata con forza alla portiera del veicolo facendo desistere il malfattore dal tentativo di sottrarle l’automobile. Intanto, un secondo complice, ha aperto la porta lato passeggero impadronendosi della borsa e del telefono cellulare che erano poggiati sul sedile. Portato a termine il colpo, i ladri sono scappati a piedi in direzione di via Pisa mentre la donna, ancora terrorizzata da quanto accaduto, si è accorta di aver riportato una ferita al labbro che le ha provocato la fuoriuscita di sangue ed un ematoma sotto il mento.

[rev_slider alias=”maf”]

Il primo fermo nei confronti di uno degli autori di questo reato, N.M., cittadino marocchino, è avvenuto a distanza di pochi giorni dal fatto, il 23 aprile scorso, in seguito all’attività investigativa espletata sulle immagini acquisite dagli apparati di videosorveglianza; contestualmente, sono iniziate le ricerche del suo complice, conclusesi a distanze di poche ore della stessa giornata, alle 21.30, con il fermo di J.Z., cittadino marocchino, classe 1987, con precedenti specifici e già pregiudicato, da poco tempo uscito di carcere. La misura del fermo ha consentito l’individuazione dell’alloggio di via Bologna che era diventato il campo base dei delitti perpetrati in danno del “vicinato”. Nell’alloggio sono state rinvenute, abbandonate sul pavimento, delle borse da donna con all’interno dei documenti, scoprendo inoltre la presenza di un terzo posto letto, che stava ad indicare l’uso dell’alloggio da parte di una terza persona.

[su_slider source=”media: 143165,119356,151964″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Il 26 aprile l’attività investigativa degli operatori del Commissariato “Dora Vanchiglia” ha consentito di addebitare ad uno dei soggetti già fermati un’altra rapina perpetrata nelle vicinanze, questa volta in danno di un connazionale che, avvicinato con la scusa della richiesta di una sigaretta, al suo rifiuto è stato colpito al volto con un oggetto contundente, riportando un taglio profondo all’altezza delle sopracciglia ed allo zigomo. Mentre la vittima si accasciava al suolo per il duro colpo subito, il rapinatore gli ha rubato il cellulare Samsung per poi allontanarsi frettolosamente a piedi.

[su_slider source=”media: 144690,132564,139264″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Sempre il 26 aprile, gli operatori del Commissariato “Dora Vanchiglia” hanno identificato il terzo componente della banda dell’alloggio di via Bologna come autore responsabile di uno scippo commesso lo scorso 11 aprile a danno di una donna che non poteva difendersi visto che nel momento della rapina era impossibilitata nei movimenti perchè stava stringendo a sé, il figlio neonato. È stato così sottoposto a fermo C.A., cittadino marocchino classe 1986, anche questi occupante l’alloggio di via Bologna. Tutti gli effetti personali delle vittime rinvenuti nell’alloggio sono stati sottoposti a sequestro e verranno riconsegnati alle persone offese all’esito dell’iter giudiziario.

[rev_slider alias=”urb”]

GUARDA IL VIDEO

GUARDA LE FOTO

Leggi anche...