RUGBY – Trasferta per l’U16 del Rivoli Rugby ad Asti per la terza partita di ritorno della II fase contro il Monferrato Rugby.

La sfida di andata ricorda un pareggio che ancora oggi lascia tutti senza uno storico di rilievo per cercare di capire quale direzione prenderà questo match.

Tutti i giocatori in campo ancora prima del fischio di inizio durante il riscaldamento si dimostrano concentrati e provano le eventuali tattiche di gioco.

ilbere
coferbanner

Riconoscimento, e tutti in campo, il Rivoli Rugby calcia l’inizio della partita è subito lotta ed un intercetto di Ferrari su un passaggio fa segnare la prima meta ai rivolesi dopo meno di un minuto.

L’umore è alto e nei primi cinque minuti gli ospiti marcano tre mete, l’impressione è che si veda una partita a senso unico, ed invece no, i padroni di casa non ci stanno lottano e si riportano sotto con due marcature.

E qui di nuovo i leoni ricominciano a fare quello che sanno fare meglio quando si impegnano, coralità, sostegno, supporto dei compagni non manca mai e tanti palloni che vengono passati da una mano all’altra del compagno e mai una parola di troppo tra loro , gli allenatori Castiglia e Trogolo ci tengono che i ragazzi siano sempre uniti.

La partita va avanti e ci si scambiano mete da una parte e dall’altra senza un attimo di respiro, ma probabilmente i leoni quest’oggi hanno più fame, veloci nelle ruck, ottimi i placcaggi e tanta tanta fiducia del compagno, l’ovale non è mai stato nelle mani dello stesso giocatore si passava fino all’ala e tornava indietro.

Una coralità dimostrata anche dalle marcature perchè quest’oggi in meta per il Rivoli sono andati un ala, l’estremo, una terza linea, un centro, il mediano di mischia ed il Super Pilone Arras.

Tutti contenti e partita molto corretta per entrambe le compagini che hanno dato il meglio portando i leoni del Rivoli Rugby al secondo posto della classifica.

gymtonic
Allianz 2 modifica jpeg

La partita finisce sul 41 a 29 peri rivolesi.

In meta: Arras, Giardino E. Padovan, Ferrari, Rege Tachin, Rolando

Trasformazioni: Ludovico Massaia.

Man of the match: Arras Emanuele

Tritapepe
Pandolfini
primocontattolungonuovapertura

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.