CUORGNÈ – Il futuro del Poliambulatorio di piazza GinoViano, la prossima apertura del nuovo Pronto Soccorso, l’approvazione del regolamento comunale dell’attività di volontariato, la partecipazione al bando ministeriale per ottenere le risorse per la riqualificazione della Scuola Media Cena: questi alcuni dei temi all’ordine del giorno del Consiglio comunale di mercoledì 28 marzo.

“Attraverso alcuni media siamo stati messi al corrente che l’Asl to4 ha avviato la procedura per l’alienazione del poliambulatorio di Piazza Gino Viano. Una situazione che ci preoccupa, chiediamo se questa ipotesi è reale e qual è la posizione dell’amministrazione sul tema. Il timore è che questa sia una manovra per spostare il poliambulatorio all’ospedale e il rischio è che si trasformi il nosocomio in un polimabulatorio” così Cavalot illustra l’interrogazione presentata dal suo gruppo. “Il direttore dell’ASLTO4 Lorenzo Ardissone conferma che ad oggi non è prevista alcuna alienazione dello stabile del Poliambulatorio di Cuorgnè- ha replicato Pezzetto-. Ardissone ha altresì confermato l’apertura del nuovo pronto soccorso prevista per il prossimo 17 aprile, una bella notizia non solo per i cittadini cuorgnatesi ma per tutto il territorio dell’Alto Canavese” ha sottolineato ancora Pezzetto che è poi passato a leggere la risposta del direttore generale dell’Asl To4, sollecitato sul tema dal primo cittadino, dopo l’interrogazione presentata da Cavalot.

ilbere
gymtonic

“La determinazione della direzione aziendale di alienare immobili di proprietà avviene mediante l’attivazione di bandi pubblici finalizzati alla raccolta di manifestazioni di interesse. Solo in quel momento si manifesta concretamente la determinazione alla cessione del patrimonio previa autorizzazione regionale, preceduta tuttavia da una lunga fase preliminare di ottenimento di tutte le autorizzazioni di carattere burocratico ai diversi livelli- spiega Ardissone- Come illustrato nel corso dell’incontro del 24 gennaio, per gli immobili facenti parte del patrimonio dell’Asl To4, compreso quello di Piazza Viano, allo scopo di quantificarne il valore complessivo si è solo provveduto ad una deliberazione per individuare un elenco rispetto al quale poi potranno essere o meno avviate le pratiche preliminari per ottenere l’autorizzazione. Si tratta quindi di un adempimento burocratico che non rappresenta assolutamente una determinazione concreta per la vendita o il trasferimento dell’attività. Questo quanto ribadito rispetto all’incontro del 24 gennaio a cui non è seguita nessuna ulteriore azione e che non impegna in alcun modo l’Asl To4 a procedere alla vendita. Sottolineo altresì che qualsiasi decisione di tale portata di competenza dell’Asl verrà prima sottoposta a discussione confrontandosi e dialogando con le amministrazioni locali, non ci si arrogherebbe il diritto di effettuare scelte così importanti senza aprire tavoli di confronto e condivisione”.

Si torna anche a parlare delle scuole medie Cena in merito ad una variazione del Dup, resasi necessaria in seguito alla partecipazione dell’ente al bando per accedere ad un finanziamento per la riqualificazione del plesso. Entro il 31 marzo dovrebbe giungere la risposta ministeriale in merito alla destinazione delle risorse al Comune di Cuorgnè. “L’edificio scolastico Cena realizzato negli anni 70′ in un quadro normativo molto diverso rispetto a quello attuale, non risponde ai parametri tecnici oggi richiesti soprattutto in considerazione di eventi straordinari ed imprevedibili come quello rappresentato dal sisma, anche se il nostro territorio statisticamente è considerato poco critico su questo aspetto (siamo in zona 4)- ha illustrato il vicesindaco Laura Febbraro- L’edificio inoltre non risponde alle esigenze del contenimento dei consumi energetici e della sostenibilità ambientale. Da qui si è cercato di ottenere fondi per rispondere a queste criticità.

growupcerimonie
Allianz 2 modifica jpeg

Per il finanziamento di tali interventi in data 16 febbraio si è partecipato al bando ministeriale per la messa in sicurezza per strutture già scolastiche” Cinque milioni di euro la cifra valutata e richiesta per la totale riqualificazione del Cena. “Dal 2011 al 2017 abbiamo investito oltre un milione di euro nel settore scolastico a cui si vanno a sommare 870.000 euro deliberati dal Ministero dell’Istruzione per la messa in sicurezza dei solai e dei soffitti dei quattro plessi scolastici del nostro territorio”. “Questo è un’opera necessaria e urgente in quanto lo stabile del Cena poggia su un acquitrino ed è stato sempre fonte di preoccupazione- sostiene Cavalot- Tuttavia per fare un intervento di questa portata, nel periodo dei lavori sarà necessario disporre di un’altra struttura dove ospitare gli studenti”. “Abbiamo considerato tutte le ipotesi ma in questo momento siamo in una fase prematura in cui l’aspetto principale è quello di riuscire ad ottenere i fondi necessari. Il nostro intento come amministrazione è di non lasciarsi scappare nessuna opportunità di ottenere risorse partecipando ai vari bandi”conclude Pezzetto.

Nel corso del Consiglio Comunale approvato infine un apposito regolamento che recependo le ultime disposizioni in materia, consentirà ai cittadini, che vorranno iscriversi, di offrire a titolo di volontariato le loro competenze in un ambito diversificato di attività. “Premetto che ritengo questo regolamento un importante ulteriore passo in avanti di questa amministrazione, per aprire in modo corretto ed ordinato alla cittadinanza la possibilità di essere parte attiva delle tante iniziative, mettendo a fattor comune le enormi potenzialità che i nostri cittadini hanno in termini di competenze e disponibilità nei diversi ambiti. Non si tratta di delegare a terze parti, ma di consentire a tutti un maggior senso di cittadinanza partecipativa e di rispondere alle diverse sollecitazioni giunteci in tal senso” il commento del Sindaco Beppe Pezzetto.

“Il regolamento è composto da 12 articoli che riguardano i requisiti per l’individuazione del volontario, la modalità di inserimento nel registro dei volontari, le prestazioni che si potranno svolgere, la copertura assicurativa. L’Amministrazione ha inteso approvare il regolamento per favorire la partecipazione “attiva” dei cittadini in alcuni ambiti della complessa gestione della macchina comunale” ha sottolineato il consigliere delegato Giovanna Cresto. Tra gli ambiti in cui potranno scegliere di agire i volontari si segnalano:

Il supporto tecnico ed organizzativo alle attività della biblioteca civica, la sorveglianza presso strutture sede di attività ricreative o culturali, allo scopo di conciliare gli orari di accesso con le esigenze dell’utenza, la sorveglianza all’interno ed all’esterno delle strutture scolastiche nelle fasi di entrata ed uscita degli studenti, la sorveglianza e supporto tecnico organizzativo per la predisposizione e la realizzazione di manifestazioni culturali, sportive, musicali, fieristiche e di promozione turistica organizzate dal Comune, gli interventi di piccole manutenzioni di spazi e strutture pubbliche quali ad esempio: custodia delle aiuole, di aree verdi, di edifici pubblici e del cimitero, altre attività innovative (collaborazione ed assistenza organi istituzionali nell’organizzazione di attività innovative e ricerca finanziamenti).

Tritapepe
Pandolfini
primocontattolungonuovapertura

GUARDA IL CONSIGLIO COMUNALE
(In versione integrale)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here