VOLPIANO – Mercoledì 14 marzo, nella mattinata, si è svolta nella zona della Vauda un’esercitazione della Scuola nazionale unità cinofile dei vigili del fuoco, la cui sede è Volpiano; erano impegnate 27 unità con 3 istruttori.

[su_slider source=”media: 147401,143165″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Durante le operazioni la simulazione è diventata realtà: una signora anziana ha segnalato con preoccupazione che il marito, uscito per una passeggiata, non era ancora rientrato. «Ci siamo subito adoperati – racconta Antonio Tassi, responsabile della scuola – per intervenire, dividendoci i sentieri da controllare; abbiamo trovato l’uomo, in stato confusionale, e lo abbiamo riaccompagnato dai familiari».

[rev_slider alias=”maf”]

Alla scuola di formazione per le unità cinofile di Volpiano i corsi durano nove mesi, suddivisi in addestramenti da una settimana al mese; la struttura sorge in un’area di 10mila metri quadrati, su di un terreno acquistato dal Comune di Volpiano, con aule didattiche, mensa, foresteria, rimessa automezzi e campo macerie per le esercitazioni, ed è adiacente a un bene confiscato alla criminalità mafiosa destinato a distaccamento dei vigili del fuoco volontari e nucleo di protezione civile.

[su_slider source=”media: 146114,125676,119356″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

 

 

[rev_slider alias=”monnal”]

[su_slider source=”media: 144690,132564,139264″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[rev_slider alias=”urb”]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here